19:29 13 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue (104)
0 45
Seguici su

Con un'ordinanza del 7 luglio il ministero della Salute ha sospeso i voli dal Bangladesh dopo l'arrivo a Fiumicino di 21 passeggeri positivi provenienti da Dacca.

Il provvedimento di blocco dei voli dal Bangladesh potrebbe "interessare anche altri Paesi qualora si venissero a trovare nella stessa situazione". Lo ha reso noto il segretario generale del Ministero della Salute, Giuseppe Ruocco, dopo che l'Unità di Crisi della regione Lazio ha rintracciato altri 5 casi positivi sul volo della Qatar Airways, in seguito al controllo di 97 passeggeri autorizzati a sbarcare nello scalo internazionale di Fiumicino. 

L'estensione del blocco potrebbe riguardare quei Paesi in una fase acuta dell'epidemia, "con flussi verso l’Italia significativi e con un sistema sanitario non necessariamente sufficiente a garantire le identificazioni nel paese di provenienza in tutti i casi".

Il ministero della Salute, assieme al Viminale e alla Farnesina e con la collaborazione delle autorità aeroportuali, sta monitorando “l’evolversi della situazione epidemiologica nel resto del mondo per evitare che si possano riaccendere focolai in Italia”, ha specificato Ruocco, che ha anche riferito sull'emissione di un'apposita nota tecnica diretta alle compagnie aeree, “su richiesta del ministro della Salute Roberto Speranza fatta all’Enac", volta a "vietare l’imbarco di passeggeri con passaporto bengalese onde evitare poi il respingimento alla frontiera che crea certamente problemi alle persone”.

In questo modo si possono evitare i respingimenti come quello dei 125 passeggeri bengalesi arrivati ieri da Doha su un volo di linea della Qatar Airlines

Il caso dei passeggeri bengalesi positivi

Con un'ordinanza del ministero della Salute emessa il 7 luglio, sono stati sospesi i voli dal Bangladesh in seguito all'arrivo all'aeroporto di Fiumicino di 21 passeggeri positivi al nuovo coronavirus imbarcati nella capitale Dacca. 

Secondo le prime ricostruzioni gli imbarcati ritrovati positivi, circa 36, avevano presentato certificati medici falsi alla frontiera pur di potersi imbarcare per tornare in Italia, anche a costo di mettere a repentaglio la sicurezza sanitaria del nostro paese.

Sarebbero stati diversi, durante il volo, a manifestare i sintomi di febbre, segno che nell'aeroporto di provenienza non vi era stato alcun tipo di controllo prima dell’imbarco.

Tutti i 276 passeggeri sarebbero persone con residenza e permesso di lavoro in Italia che rientravano dal loro Paese dopo un periodo di permanenza forzato dalla chiusura delle frontiere.

Tema:
Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue (104)
Tags:
aeroporto Fiumicino, voli, Blocco, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook