08:09 15 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
101
Seguici su

Assoluta disperazione a Larino e nei comuni del cratere del terremoto del 14 e 16 agosto 2018. Famiglie e imprese sono sull'orlo del baratro e 40 milioni di euro sono bloccati dal governo.

C’è una Italia che corre lentissima nel giorno in cui il presidente del Consiglio Giuseppe Conte presenta il Dl Semplificazioni e un piano con 130 opere pubbliche che porteranno l’Italia ad essere una nazione ad alta velocità, come ha definito egli stesso il piano.

Questa Italia lentissima è quella dei terremoti dimenticati come a Larino e nei 21 comuni del cratere sismico molisano del 14 e 16 agosto 2018.

Ed a proposito di lungaggini, i sindaci dell’area denunciano che ci sono per loro 40 milioni di euro disponibili per effettuare le ricostruzioni, ma manca da due anni l’assegnazione del commissario straordinario da parte del Governo.

Il quotidiano locale isNews riporta che i sindaci si sono riuniti oggi per fare il punto della situazione e per manifestare ancora una volta l’assenza delle istituzioni nazionali.

“Abbiamo scritto anche al presidente della Repubblica ma neppure da lui abbiamo avuto risposte”, dicono i sindaci.

Il Molise è l’unica regione dove non sono mai iniziati i lavori e dove i fondi rischiano di dover essere restituiti per mancato utilizzo. I 40 milioni di euro dovrebbero infatti essere spesi entro il 31 dicembre 2021.

Famiglie in preda alla disperazione

I sindaci denunciano che le famiglie sono in preda alla disperazione e che le imprese sono “alla canna del gas” per i tanti ritardi nei pagamenti e per l’assenza di risposte.

Tra le forme di protesta si valuta una manifestazione a Roma a cui far partecipare le famiglie e le imprese disperate.

Correlati:

Terremoto in Messico: bilancio provvisorio sale a 4 vittime
Terremoto di magnitudo 5,2 colpisce la Turchia occidentale
Terremoto in Irpinia, avvertite tre scosse in 5 minuti
Tags:
Terremoto
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook