20:28 14 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
0 01
Seguici su

Tramite un documento redatto dal Tavolo Tecnico istituito dal Ministro Speranza, oncologi, ematologi e cardiologi sottolineano la necessità di maggiori investimenti per combattere il cancro, le cui cure interrotte dalle prime fasi di lockdown sono destinate ad aumentare.

La spesa per contrastare i tumori in Italia costa ogni anno circa 20 miliardi di euro: le spese per i farmaci antineoplastici, nel 2018, hanno quasi raggiunto i 6 miliardi e i costi diretti a carico dei pazienti e delle famiglie sono stimati intorno ai 5,3 miliardi di euro.

Le risorse alla cura del cancro però devono essere aumentate, anche perché la diminuzione e sospensione di visite, cure e interventi chirurgici dovuti al lockdown dovrebbero portare a un aumento di casi in fase avanzata, per i quali le cure necessarie presentano costi più ingenti.

Il Ministro della Salute Roberto Speranza, che si era già espresso in passato sulla necessità di investire più risorse in ambito sanitario, ha istituito un Tavolo Tecnico di specialisti, che oggi si sono rivolti tramite un webinar alle istituzioni per ribadirne l'importanza in relazione alla cura dei tumori. 

“È forte la preoccupazione dei pazienti che un’eventuale seconda ondata del virus in autunno possa provocare gli stessi danni a cui abbiamo assistito nella fase 1, in assenza di provvedimenti migliorativi dell’assistenza sia territoriale che ospedaliera",  ha spiegato il suo coordinatore Francesco Cognetti, presidente della Fondazione Insieme contro il Cancro.

L'aumento delle risorse destinate alla Sanità è stato invocato anche per le esigenze della cura alle malattie croniche, che in Italia affliggono 11 milioni di pazienti. 

Il Fondo sanitario nazionale per il 2020, stilato prima dell'emergenza-coronavirus, era pari a 116,474 miliardi di euro.

Secondo i dati dell'OCSE, la spesa sanitaria pubblica in rapporto al PIL in Italia nel 2018 è stata pari al 6,5%. Altri paesi europei come Germania (9,5%), Francia (9,3%) e Regno Unito (7,5%) nello stesso anno hanno operato investimenti nella sanità maggiori dei nostri.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook