20:32 03 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
211
Seguici su

Il ministro Lucia Azzolina in visita presso l'istituto comprensivo di Palermo Giovanni Falcone, promette aiuti per le famiglie con poche risorse economiche.

Da oggi è attivo un bando da 236 milioni di euro rivolto alle scuole italiane per fornire loro libri di testo, zainetti e device da destinare ai figli di famiglie meno abbienti.

Le scuole di primo grado potranno richiedere fino a 100 mila euro e le scuole secondarie di secondo grado fino a 120 mila euro.

Lo ha detto il ministro della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina da Palermo, dove ha visitato l’istituto comprensivo Giovanni Falcone nel quartiere Zen. La scuola nelle ultime settimane è stata più volte vandalizzata.

Qui il ministro ha promesso l’installazione di telecamere a tutela dell’edificio scolastico e della strumentazione che contiene.

“Offendere la scuola significa offendere lo Stato e questo non lo permetteremo, né come ministro dell’Istruzione, né come dirigente scolastica, né come comunità scolastica” ha detto Azzolina come riportato da Fanpage.

Classi meno numerose e arredi nuovi

Azzolina ribadisce che a settembre le classi saranno ricomposte con numeri inferiori:

“il numero di studenti in classe dovrà necessariamente diminuire”.

Novità ne arriveranno anche per i banchi, quelli attuali e spesso a due saranno sostituiti con banchi singoli nelle scuole di ogni ordine e grado.

Su questo fronte Azzolina conferma che il suo Ministero è al lavoro con il commissario straordinario Arcuri, il quale sta provvedendo a reperire i banchi singoli che dovranno poi restare come eredità di questa pandemia.

“Si tratta di investimenti strutturali per le nostre scuole e che permetteranno forme di apprendimento nuove”, ha detto Azzolina.

Manutenzione dell’edilizia scolastica

Venerdì 3 luglio il ministro Azzolina aveva annunciato via Facebook lo stanziamento di 855 milioni di euro “per il finanziamento di interventi di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico a favore di Province e Città metropolitane”.

“Si tratta di un importante investimento che interessa le scuole secondarie di secondo grado”, ha precisato il ministro.

“Stiamo lavorando per sbloccare tutte le risorse possibili. Sull’edilizia scolastica molto è stato fatto, ma c’è ancora tanto da fare. Gli investimenti ci sono, bisogna spendere velocemente e realizzare le opere.”

Correlati:

Le regole di Azzolina per il ritorno a Scuola a settembre
De Luca contro Azzolina: in un altro paese "sarebbe invitata a dare le dimissioni"
Azzolina: "Proposta la data del 14 settembre" per la riapertura delle scuole
Tags:
Scuola
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook