03:29 12 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
894
Seguici su

Il candidato per il centrodestra alla presidenza della Regione Toscana, Susanna Ceccardi, a La7 esprime giudizi negativi sulla celeberrima canzone, a suo giudizio politicamente comunista.

In vista delle prossime elezioni regionali Susanna Ceccardi, candidata per il centro destra alla regione Toscana, ci tiene a ribadire la sua visione politica.

E lo fa tirando in ballo anche uno dei brani più famosi della storia della musica leggera, 'Imagine' di John Lennon.

La Ceccardi ricorda quando nel 2016 il sindaco del suo paese, Cascina (PI), in occasione del Natale invitò 1300 bambini a cantare sotto il municipio la canzone dell'ex Beatles anziché i tradizionali canti dedicati alla ricorrenza.

Sindaco a cui lei stessa ha succeduto dal 2016 fino al 2019, quando è stata eletta al Parlamento Europeo.

La Ceccardi aveva già denunciato la scelta a suo tempo sul suo profilo Facebook.

Secondo la politica leghista, il riferimento alla speranza per l'abolizione di frontiere e proprietà privata e finanche della religione contiene una visione del mondo decisamente marxista. E il marxismo, applicato in Unione Sovietica, ha dato vita a un "delitto", a "un mondo non umano". 

L'esponente della Lega ha comunque mitigato la sua affermazione dicendo che "si tratta di poesia e i poeti hanno visioni differenti".

Questo non le è comunque valso il riparo dalle repliche dei social, alcune decisamente ironiche.

C'è chi racchiude tutto con un simpatico gioco di parole: John Lenin. 

​Chi invece fa cantare 'Imagine' direttamente da un membro del coro dell'Armata Rossa.

​Ironia sottile giunge anche da chi rilegge il repertorio dei Beatles alla luce della controversa dichiarazione

​Continuano quindi le polemiche che coinvolgono i candidati alla presidenza della Regione Toscana: qualche giorno fa a finire nell'occhio del ciclone era stato per alcune dichiarazioni l'avversario della Ceccardi, il candidato del centrosinistra Eugenio Giani.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook