18:51 05 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
132
Seguici su

Il neopresidente degli industriali under 40 è intervenuto al convegno nazionale '3R: Ripartenza, Responsabilità e Resizilienza' dei giovani imprenditori, tenuto in videoconferenza.

"Siamo gli eredi di una volontà e di un sogno di società. Come i nostri predecessori, dobbiamo comprendere che viviamo un momento di forte trasformazione economica e sociale", lo ha detto Riccardo Di Stefano per il debutto nelle vesti di neo-presidente dei giovani imprenditori di Confindustria al suo primo Convegno Nazionale tenuto, in tempi di Covid-19, rigorosamente on line, anziché nella tradizionale sede di Santa Margherita Ligure. 

Di Stefano ha espresso la sua emozione per "l'apertura dei lavori del mio primo convegno digitale del nostro movimento che è anche il mio primo da presidente", ha detto intervenendo all'evento '3R: Ripartenza, Responsabilità, Resilienza'. 

Il confronto con il governo

Di Stefano ha mosso delle critiche verso il governo, per non aver messo in campo misure adeguate per rilanciare le imprese.

"Le nostre imprese e i cittadini non possono più attendere. L’Italia ha bisogno di corpi intermedi e soprattutto di corpi intermedi come noi, che non inseguiamo il consenso, ma il merito", ha scandito il leader dei giovani industriali. "Non si può pensare di governare con annunci e poi dilatare all’infinito il tempo che passa tra le parole e gli effetti di quelle misure", ha proseguito.

"Ecco perché - ha proseguito - diciamo, a chi scrive i decreti, di uscire dai palazzi e di venire a scriverli nelle nostre aziende, emendarli dalle nostre linee di produzione, portarli in Europa dai nostri uffici marketing. Perché nelle imprese si costruisce l’Italia tanto quanto in Parlamento". 

Inoltre ha chiesto la rapida approvazione del dl Semplificazioni. "Ogni imprenditore italiano dedica mediamente 240 ore l’anno al fisco, circa 30 giorni", ha sottolineato.

Bonomi ai giovani: 'combattete per il vostro futuro

Al convegno degli under40 di Confindustria è intervenuto anche il leader degli industriali, Carlo Bonomi. 

"Oggi la mia sensazione che vi stiano scippando il futuro. Non permettetelo, non permettetelo mai. Il futuro vostro, combattete per il vostro futuro", ha detto Bonomi rivolgendosi ai giovani.

 

 

Tags:
Confindustria, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook