15:34 24 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
708
Seguici su

Il presidente della Camera ha definito il caso Regeni una questione di stato, sulla quale sarà necessaria una sinergia con i governi e i parlamenti degli altri Paesi europei.

Il presidente della Camera, Roberto Fico, è intervenuto ai microfoni del Tg1 sui nuovi sviluppi legati al caso Regeni e alle indagini sul suo omicidio.

"L'incontro fra le procure è andato malissimo. L'Egitto ha dato un vero e proprio cazzotto in faccia all'Italia, a tutti gli italiani, al nostro Stato. Bisogna dare una risposta risoluta e veloce", sono state le parole della terza carica dello stato.

Fico ha quindi rinnovato la vicinanza "di tutte le istituzioni alla famiglia Regeni", arrivando a definire l'omicidio del giovane "una questione di stato", sulla quale sarà necessario lavorare con i governi e i parlamenti europei:

"Voglio dire a tutti e alla famiglia che la questione di Giulio Regeni non appartiene solo alla famiglia, appartiene a tutta l'Italia", ha ribadito Fico.

Gli ultimi sviluppi del caso Regeni

La procura di Roma a termine dell'incontro tenutosi mercoledì tra i pm di Italia e Egitto sul caso Regeni ha comunicato attraverso una nota la richiesta da parte della giustizia italiana di un riscontro dalla controparte egiziana sulle indagini svolte.

Il procuratore generale egiziano ha assicurato che le richieste avanzate dalla procura di Roma sono allo studio, sulla base del principio di reciprocità, ma ha anche chiesto alcune precisazioni sull'attività di Giulio Regeni in Egitto. 

La famiglia del ricercatore italiano ucciso nella periferia del Cairo nel gennaio 2016, ha espresso la propria delusione per il risultato dell'incontro fra i magistrati di Roma e il procuratore generale egiziano.

La legale dei Regeni, Alessandra Ballerini, ha definito l'incontro un nulla di fatto senza alcuna "nessuna reale collaborazione" da parte egiziana.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook