02:03 17 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
0 20
Seguici su

Oggi, giorno dell'anniversario della strage di Dacca, si è svolta nella capitale del Bangladesh l’annuale commemorazione della strage islamista al ristorante Holey Artisan Bakery in cui morirono anche 9 italiani.

Il locale Holey Artisan Bakery, situato nel quartiere diplomatico di Gulshan, fu teatro di un attacco terroristico del commando terrorista dell’organizzazione bangladese Jamaat-ul-Mujahideen. In questo attentato morirono 22 persone, tra le quali 9 cittadini italiani che vengono ricordati oggi nell'anniversario della strage.

Intorno alle 21:20 ora locale del 1 luglio 2016, il commando terroristico entrò in azione nel ristorante con una sparatoria e l’ausilio di bombe mano. I clienti, la maggioranza stranieri, furono presi in ostaggio e divisi in base all’appartenenza religiosa, ed in particolare in base alla conoscenza, o meno, dei versi del Corano.

Coloro considerati "infedeli" poiché non a conoscenza dei versi del Corano furono trattenuti e poi uccisi mentre i musulmani vennero liberati. Il comando fu poi eliminato in uno scontro a fuoco con la polizia locale e in seguito il Tribunale speciale per l’anti-terrorismo di Dacca incriminò ventuno membri del Jmb, tra attentatori, pianificatori e fornitori di armi.

La commemorazione dell'Ambasciata italiana

L'Ambasciata italiana a Dacca ha commemorato la giornata di oggi deponendo una corona in onore delle vittime dell'attacco terroristico sulla lapide presente vicino alla sede della rappresentanza per tenere vivo il ricordo impresso in tutte le comunità di appartenenza in Italia.

​Il ricordo del CNDDU: fondamentale discutere di questi argomenti nelle scuole

Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani ha voluto ricordare l’attentato terroristico di Dacca (1 luglio 2016) in cui persero la vita nove connazionali.

"Oggi nel commemorare le vittime innocenti scomparse vogliamo condannare ogni forma di violenza o atti crudeli perpetrati nei confronti di popolazioni o civili inermi. Intimidire, destabilizzare gravemente o distruggere le strutture politiche, costituzionali, economiche o sociali fondamentali di un Paese democratico costituiscono preparano l’avvento delle dittature. Il CNDDU ritiene fondamentale discutere all’interno delle scuole caratteriste e aspetti di contenuto geopolitico per comprendere le cause che hanno determinato i fatti accaduti" dichiara il Presidente del CNDDU Romano Pesavento in una nota.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook