10:34 29 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue (129)
0 0 0
Seguici su

In apprensione il sindaco di Capri il quale teme che i turisti possano creare troppi assembramenti nei porti di partenza e di sbarco. Ha chiesto l'intervento dell'Autorità portuale.

A Capri le attività del settore turismo possono tirare un mezzo sospiro di sollievo, è boom di napoletani e romani che si sono riversati sull’isola per trascorrere il caldo e intenso ultimo fine settimana di giugno. Un caldo da allerta in tutta Italia tra l’altro.

Il sindaco di Capri, Ciro Lembo, invece è un po’ in apprensione e teme che i tanti assembramenti che si verificano nel porto durante le fasi di sbarco e imbarco dei turisti possa vanificare tutti gli sforzi compiuti dalla popolazione nel contenere il contagio durante i mesi della chiusura totale.

Lembo ha formalmente chiesto al presidente dell’Autorità portuale di Napoli “di intervenire immediatamente affinché sia garantito con idonea segnaletica e, soprattutto, con attenta sorveglianza il distanziamento sociale in tutti i porti di imbarco per Capri e in particolare al Molo Beverello e a Calata di Massa”, riporta Askanews.

Intollerabili gli assembramenti visti dal sindaco, così egli li ha giudicati, ma deve riconoscere che l’arrivo dei turisti sull’isola, anche stranieri, è un segnale positivo per l’economia locale che di turismo ci vive e del quale non potrebbe assolutamente fare a meno.

Tema:
Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue (129)

Correlati:

Bari: 18 denunce per gli assembramenti nel primo week end post-lockdown
Sondaggi politici, italiani preoccupati da "assembramenti" e poco rispetto regole
Bari, residenti del quartiere Umbertino denunciano assembramenti e fuochi d'artificio
Tags:
Capri, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook