18:05 12 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue (95)
220
Seguici su

Preoccupa il focolaio scoperto all'hub logistico Bartolini di Bologna Roveri e così l'Ausl valuta chiusura dopo rischio estensione del focolaio al centro migranti della città.

Due degli operai del centro logistico Bartolini di Bologna provengono dal centro di accoglienza migranti di Via Mattei.

Per questo motivo l’Ausl locale ha isolato 16 migranti che risiedono nella struttura e che hanno avuto contatti stretti con i due operai.

I migranti presenti nella struttura lavorano spesso nelle aziende della logistica locale con contratti a chiamata anche di un solo giorno.

I due operai sono stati trasferiti in un hotel predisposto all’accoglienza delle persone positive al nuovo coronavirus.

Per quanto riguarda il personale della struttura, hanno fatto tutti il tampone e risultano al momento negativi.

Possibile la chiusura del centro logistico

A fronte di 370 persone monitorate in riferimento al centro logistico Bartolini di Bologna Roveri, l’Ausl valuta la possibilità di chiudere l’hub logistico.

A preoccupare l’alto numero di contagiati, 95, rispetto ai tamponi effettuati. Di questi 95 positivi al tampone, 74 sono lavoratori e 21 sono invece conoscenti e familiari dei primi.

Del totale soltanto 12 hanno sintomi e di questi due sono stati ricoverati in ospedale.

Ai tamponi si sono sottoposti anche gli amministrativi dell’hub logistico, gli autisti e il resto del personale. Per tutti questi si è in attesa del risultato.

Focolaio scoperto grazie ai test sierologici

Il presidente dell’Emilia Romagna rivendica il fatto che la scelta di fare i test sierologici sulla popolazione è stato determinante nello “scoprire il focolaio”.

I sindacati vorrebbero che l’hub logistico venisse chiuso, perché addirittura “i lavoratori sono terrorizzati” riferisce il portavoce della Uil.

Il comunicato della Bartolini

Sulla pagina principale del sito web aziendale, Bartolini ha esposto un comunicato riferito alla situazione a cui fa seguito una foto che mostra gli operai della struttura dotati di mascherina.

Dal comunicato si apprende che:

“La nostra azienda sta operando in stretta collaborazione con l'ASL ed in rigorosa conformità al ‘Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro’.

Sono state prontamente attuate le necessarie misure di sicurezza a tutela degli operatori e dei dipendenti e di verifica di diffusione del contagio.

Sebbene questa situazione sia stata affrontata con tempestività e nonostante abbiamo adottato tutti gli accorgimenti necessari a gestire, nel minor tempo possibile i ritardi accumulati, in questo momento di particolare difficoltà operativa abbiamo accumulato forti ritardi sulle consegne gestite dall’Hub di Bologna Roveri. Pertanto siamo stati costretti a introdurre limitazioni per le spedizioni dirette al suddetto Hub e sospendere il servizio di ritiro in Fermo Deposito”.

Tema:
Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue (95)

Correlati:

Coronavirus a Mondragone, scontri fra bulgari e locali: volano sedie e finestrini sfondati - video
Coronavirus in Russia: 620.794 contagi (+6.800 ), 8.781 decessi (+176), 384.152 guarigioni (+8.988)
Coronavirus, cosa sta accadendo in Siria?
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook