09:17 29 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
0 31
Seguici su

Nelle settimane del 2020 più segnate dalla pandemia di Covid-19 in Europa i morti "giovani" registrati sono in numero inferiore rispetto alla media del triennio 2016-2019, lo riferiscono i dati preliminari di Eurostat.

I dati preliminari di Eurostat registrano che nelle settimane più difficili e intense della pandemia, dal 2 marzo al 26 aprile, si sono registrati meno morti "giovani" in Europa (morti per qualsiasi causa, non solo Covid-19) rispetto alla media registrata nel triennio precedente.

Per quanto riguarda l'età dei deceduti, osserva Eurostat, il gruppo più colpito è quello sopra i 90 anni, con oltre 140 morti dalla decima alla diciassettesima settimana per 100 morti nello stesso periodo del 2016-19.

"Sia per gli uomini che per le donne, la fascia di età superiore a 90 è la più colpita, con più di 140 morti per 100 morti nelle stesse settimane in 2016-2019. Quelli più giovani di 49 hanno registrato decessi inferiori nel 2020 rispetto al passato" si legge nel sito di Eurostat. Il numero dei morti supera la media del 2016-19 a partire dal gruppo tra 50 e 54 anni di età.

I risultati riguardano 20 Paesi europei e misurano le differenze tra la mortalità osservata in Europa nelle settimane in cui la pandemia di Covid-19 ha colpito più fortemente il continente e quella registrata in media nello stesso periodo degli anni 2016-19.​

I Paesi interessati sono Italia, Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Spagna, Francia, Lituania, Lussemburgo, Ungheria, Austria, Portogallo, Slovacchia, Finlandia, Svezia, Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. Mancano i dati della Germania.

Secondo gli ultimi dati della Protezione civile, il numero complessivo dei casi di Covid-19 in Italia dall'inizio dell'epidemia ha raggiunto i 239.410 con un'aumento di 190 unità. Nell'ultimo giorno sono morte 30 persone, mentre il bilancio complessivo arriva a quota 34.644. Nelle ultime 24 ore il numero di dimessi è salito di 1.526 unità, portando il totale dei guariti a 186.111 ed il totale di pazienti attualmente positivi scende a 18.655, con un calo di 918 unità.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook