21:51 31 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
1101
Seguici su

Il governo lascia aperta una porta alle trattative, ma la società dei Benetton avrà tempo sino all'inaugurazione del ponte di Genova, per decidere se accettare un piano di oneri, responsabilità e risarcimenti alternativo alla revoca.

Le trattative per Autostrade fra Stato e Aspi continuano, ma con una pistola sul tavolo: per la prima spunta l'opzione revoca della concessione come opzione percorribile dal governo. Questo l'esito del vertice di ieri sera tra il Presidente del Consiglio e i capi delegazione di maggioranza, preceduto da una riunione tra Conte, la responsabile del Mit, De Micheli e il ministri dell'Economia, Roberto Gualtieri, durante la quale è stato messo a punto il doppio pacchetto, secondo quanto si apprende dalla stampa nazionale, che cita fonti interne. 

Si continua a trattare, ma alle "condizioni minime" dettate dal governo "al di sotto delle quali rimane irricevibile qualsiasi proposta di controparte e diventa automatica la revoca".

Nonostante il M5S punti alla revoca senza se e senza ma, come ribadito martedì sera da Di Maio a Porta Porta, che ha detto di non immaginare "un futuro in cui ridare a Benetton le Autostrade", resta uno spiraglio aperto per Atlantia, che per rimanere dentro, dovrà accettare almeno tre condizioni: 

  1. un vasto piano di investimenti;
  2. un programma di risarcimenti;
  3. la riduzione dei pedaggi autostradali. 

Il governo vuole chiudere la partita al più presto. L'accordo dovrà arrivare in una settimana, prima dell'inaugurazione del ponte di Genova, secondo quanto riferiscono le fonti interne alle agenzie nazionali. In ogni caso, le condizioni prevedono l'ingresso del fondo F2i e Cassa depositi e prestiti in Autostrade, per diluire la presenza di Atlantia che non sarebbe più socio di maggioranza.

Ma la strada resta in salita, non solo per l'opposizione dei grillini. Palazzo Chigi sa che l'alternativa alle condizioni minime dettate dal governo, aprirebbe la strada al contenzioso giudiziario. 

Tags:
rete stradale, Il Ministro per le Finanze, Il Ministro di Infrastrutture, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook