20:46 02 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
7172
Seguici su

Il leader della Lega posta una foto su Instagram criticando il governo in materia di immigrazione. Tra i commenti: “Mettiamo Salvini a testa in giù, è quello che si merita”. La replica: “Hai vinto, insieme ai tuoi ‘mi piace’ un abbraccio e una bella denuncia. Buona fortuna amico mio”.

Molto attivo su Facebook e Twitter, sempre pronto a condividere i suoi famosi selfie, il leader della Lega, Matteo Salvini, stavolta ha il suo bel da fare in seguito a un post sul suo account Instagram.

Salvini ha infatti postato un collage contenente immagini di sbarchi di immigrati, navi delle ONG tra cui la Sea-Watch 3 e le foto degli attivisti Carola Rackete e Luca Casarini.

Queste le parole poi scritte affianco alle immagini, corredate dall’hashtag #portichiusi:

"Dopo la Ong tedesca, con un carico di oltre 200 immigrati clandestini, ecco in azione la nave dei centri sociali, che torna in mare e ne va subito a raccogliere 70 non lontano da Lampedusa. Avanti, c’è posto, tanto il governo non muove un dito. Trafficanti di esseri umani e (im)prenditori della “accoglienza” si fregano le mani".

Tra i commenti quello di un utente che ha invitato gli altri a mettere Salvini a testa in giù, la stessa sorte occorsa a Mussolini a Piazzale Loreto. Centinaia i “mi piace” e le risposte.

Non solo con l’autore del commento se l’è presa Salvini ma anche con tutti quelli che lo hanno accompagnato con un “mi piace”, mettendo tutti sullo stesso piano e minacciando la denuncia per ognuno.

E il leader del Carroccio sembra proprio intenzionato a passare ai fatti, come ha ribadito anche su Twitter.

​Carola Rackete, capitana della nave Sea-Watch 3, le cui immagini sono state incluse da Salvini nel suo collage, era stata protagonista il 27 giugno dello scorso anno della forzatura di un blocco per attraccare sull’isola di Lampedusa, dove far sbarcare 42 migranti. Arrestata per questa azione, la Rackete è stata successivamente liberata.

In seguito ha denunciato Salvini per diffamazione a causa degli attacchi subiti dall’allora Ministro degli Interni, che l'aveva accusata di essere un pericolo nazionale.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook