13:43 05 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
0 30
Seguici su

Ritrovato galeone del 1500 al largo di Camogli, è la prima scoperta di questo genere in Italia. Potrebbe essere il relitto del galeone Santo Spirito, il più grande dell'epoca.

Se confermata dalle indagini in loco e storiche, il ritrovamento dei resti di un galeone risalente alla fine del 1500 a Camogli potrebbe essere uno dei ritrovamenti subacquei più importanti degli ultimi decenni in Italia.

A fine febbraio due sommozzatori si sono immersi nell’Area Marina protetta di Portofino e ad una profondità di 50 metri hanno fatto la scoperta. Nascosta dalle reti da pesca l’imbarcazione è stata riconosciuta dall’ancora e dalla sua sagoma semisepolta dalla sabbia.

I due sommozzatori hanno subito avvertito i Carabinieri denunciando il ritrovamento del relitto.

Sul posto è così intervenuto il nucleo subacquei dei Carabinieri e la soprintendenza con i propri esperti.

Si ipotizza che si possa trattare del galeone Santo Spirito affondato nel 1579 al largo di Camogli, il più grande galeone dell’epoca.

​Del relitto per ora è stata osservata solo una fiancata, ma gli archeologi subacquei si attendono di ritrovare strumenti di navigazione, armi di artiglieria, sfere armillari, ceramiche e monete.

Tutto ciò aiuterà a datare il galeone e a tentare di ricostruire la sua storia e il suo nome. I due scopritori sono Gabriele Succi e Edoardo Sbaraini.

Correlati:

L’incredibile battaglia per i tesori del galeone “San José”
Prefetto di Cosenza, Paola Galeone, indagata per corruzione. Avrebbe intascato mazzette
Tags:
Mare, Archeologia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook