02:44 28 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue (130)
2140
Seguici su

Bisogna riconsiderare il modo in cui si contano i tamponi positivi al Covid-19 e dire quanta carica virale c'è in essi. Secondo il professor Remuzzi molti positivi non sono contagiosi.

La situazione è cambiata per quanto riguarda la viralità del nuovo coronavirus, “si registrano casi di positività con una carica virale molto bassa, non contagiosa”. A dirlo è il professore Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto farmacologico Mario Negri, che non esita a invitare l’Istituto superiore di sanità e il governo a “rendersi conto di quanto e come è cambiata la situazione”.

Il professore spiega come è cambiata la situazione attraverso i risultati di uno studio che hanno condotto su “133 ricercatori del Mario Negri e 298 dipendenti della Brembo. In tutto, quaranta casi di tamponi positivi. Ma la positività di questi tamponi emergeva solo con cicli di amplificazione molto alti, tra 34 e 38 cicli, che corrispondono a 35.000 – 38.000 copie di RNA virale”, dice intervistato dal Corriere della Sera.

E riguardo ai dati forniti ogni giorno dalla Protezione civile dice: “Commentare quei dati che vengono forniti ogni giorno è inutile, perché si tratta di positività che non hanno ricadute nella vita reale”.

Stop alla paura

Il professore chiede che si riconsideri il modo in cui i dati vengono forniti e chiede che non si continui su una strada che genera solo paura nelle persone.

Riguardo l’idea di richiudere la Regione Lombardia il professore Remuzzi, intervistato dal Corriere della Sera esclama: “Ma per carità!”

Nessun bisogno di chiudere la Lombardia insomma e il professore dice anche di più, afferma che “sotto le 100mila copie di RNA non c’è sostanziale rischio di contagio”. Qui il professore fa riferimento a uno studio pubblicato su Nature che viene confermato anche da altri studi condotti sul Sars-CoV-2.

Altri studi confermano

Accanto allo studio del Mario Negri, il professore Remuzzi cita lo studio del Center for Disease Prevention della Corea del Sud, il quale ha condotto uno studio su 285 persone positive ma asintomatiche. Il Centro ha rintracciato 790 contatti con cui gli asintomatici positivi erano entrati in contatto stretto e si è riscontrato che nessuno di essi era positivo. “Zero. E le risparmio altri studi che vanno in questa direzione”, ha aggiunto ancora il professor Remuzzi.

E sui tamponi

Al professore viene chiesto se il sistema dei tamponi è sbagliato e lui risponde:

“Niente affatto. Ma sta andando avanti in modo burocratico con delle regole che non tengono conto di quello che sta emergendo dalla letteratura scientifica”.

Tema:
Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue (130)

Correlati:

Dl Elezioni si rivota la fiducia oggi, ieri è mancato il numero legale
Incendio sul traghetto con passeggeri, intervengono Vigili del Fuoco – Video
Coronavirus in Russia: 569.063 contagi (+7.972), 7.841 decessi (+181), 324.406 guarigioni (+10.443)
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook