09:41 29 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
262
Seguici su

Soffrono una maggiore contrazione abbigliamento, arredamento, giocattoli, pelletteria. Contenuto il calo nel consumo dei farmaci, mentre aumentano le vendite di generi alimentari.

Il primo trimestre del 2020 vede un calo dei consumi del 4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il consumo regge grazie alla spesa delle famiglie per generi alimentari e prodotti per la casa. Escludendo queste merci dal paniere, emerge una più significativa riduzione degli acquisti di beni al consumo. 

"La marcata riduzione dell'offerta e della domanda commerciale al dettaglio ha determinato una flessione delle spese diverse da quelle per prodotti alimentari e per l'abitazione di oltre il 12% rispetto al primo trimestre 2019", si legge nel rapporto.

Secondo Coldiretti si tratta di un salto indietro, che porta il livello dei consumi delle famiglie a quello dei primi anni 2000. 

"Il risultato è una diminuzione delle vendite al dettaglio del 26,3% in valore con punte massime per calzature, articoli in cuoio e da viaggio (-90,6%), mobili, articoli tessili e arredamento (-83,6%), abbigliamento e pellicceria (-83,4%) e giochi, giocattoli, sport e campeggio (-82,5%), mentre il calo minore si registra per i prodotti farmaceutici (-3,5%) e le vendite dei beni alimentari aumentano (+6,1%)", scrive Coldiretti, che punta il dito contro le speculazioni e chiede maggiori controlli per garantire la stabilità dei prezzi. 

​Nel 2019, rileva l'indagine, la spesa media dei consumi per famiglia era pari al 2.560 euro mensili in valori correnti e resta "sostanzialmente invariata" rispetto al 2018 (-0,4%) ma "sempre lontana dai livelli del 2011 (2.640 euro mensili), cui avevano fatto seguito due anni di forte contrazione non recuperata negli anni successivi". 

Al netto dell'aumento dei prezzi, il valore reale dei consumi dello scorso anno rispetto al 2018 peggiora di 1 punto percentuale "diminuendo per il secondo anno consecutivo dopo la moderata dinamica positiva osservata dal 2014 al 2017".

 

Tags:
Coldiretti, ISTAT, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook