09:20 29 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)
5016
Seguici su

La task force presieduta da Vittorio Colao ha presentato un piano di rilancio 2020-2022 per il Paese, che vede al centro cultura, turismo e tecnologia, con l'implementazione del 5G.

L'Italia 2.0 sarà più "forte, resiliente ed equa". Questo l'obiettivo del piano di Vittorio Colao, un piano che poggia sulla rivoluzione green, sull'inclusione e parità di genere, su tecnologia e digitalizzazione, e che punta a sei macrosettori: 

  • Impresa e lavoro motore dell'economia;
  • Infrastrutture e ambiente volano del rilancio;
  • Turismo e cultura brand del Paese;
  • Una Pubblica amministrazione alleata di cittadini e imprese;
  • Istruzione, ricerca e competenze fattori chiave per lo sviluppo;
  • Individui e famiglie in una società più inclusiva.

Diverse le proposte contenute nel documento, tra queste il rinnovo dei contratti in scadenza per il 2020, un piano quinquennale per il turismo, una sanatoria per evasori ed emersione del lavoro nero, semplificazioni burocrazia e codice appalti, esclusione responsabilità penale delle aziende per i contagi covid sul lavoro, accelerazione su tecnologie 5G. 

Rinnovo dei contratti

Uno dei punti cardine per il rilancio del Paese nella fase post-covid è il rinnovo, almeno per l'anno 2020, dei contratti a tempo determinato in scadenza. Le aziende, si legge nel documento, "non avranno la possibilità o l'interesse a rinnovare o prorogare i contratti a termine, per mancanza di lavoro". Inoltre il rinnovo del contratto a tempo determinato è soggetto a vincoli.

L'intenzione è quella di "allentare in via temporanea questi vincoli, almeno per i contratti a termine in corso la cui scadenza sopraggiungerà entro il 2020, o appena scaduti dopo l'avvio del blocco. Si potrebbe ipotizzare che il periodo dall'inizio del blocco al 31 dicembre 2020 sia neutralizzato rispetto al maturare del limite dei 24 mesi complessivi, consentendo la prosecuzione per un periodo significativo dei contratti a termine in corso o appena cessati. Si potrebbe ipotizzare inoltre, per i contratti in scadenza entro il 31 dicembre, la possibilità di una ulteriore proroga degli stessi anche se e stato già raggiunto il numero di proroghe massimo consentito, e comunque consentire la proroga eccezionale".

Piano quinquennale per il turismo 

Una sfida cruciale per il Paese sarà quella di rilanciare il turismo, settore cruciale dell'economia nazionale, fortemente danneggiato dall'epidemia. 

Nel piano è presente la proposta di "sviluppare un piano quinquennale sul Turismo da aggiornarsi ogni due anni, in modo che sia un irrinunciabile strumento operativo per tutti gli attori della filiera". L'ipotesi è quella di costituire un "presidio governativo speciale focalizzato sul recupero e rilancio del settore nel prossimo triennio con l'obiettivo di assicurare coordinamento governativo orizzontale e territoriale verticale nel periodo di rilancio". 

Sanatoria per evasori e emersione del lavoro nero

Il piano prevede di "favorire l'emersione attraverso opportunità di Voluntary Disclosure ai fini della regolarizzazione, prevedendo un meccanismo di sanatoria e incentivazione riducendo contribuzione cuneo fiscale, nonché sanzioni in caso di falsa dichiarazione o mancato perfezionamento delle procedure di emersione". 

"Sul piano della premialità, - si legge - favorire la dichiarazione di lavoro nero, prevedendo: da un lato un meccanismo di sanatoria, per il pregresso, sulla scorta di quanto previsto nel decreto rilancio per l'emersione del lavoro irregolare degli immigrati in alcuni settori; dall'altro, un periodo medio di riduzione contribuzione e cuneo fiscale su retribuzione ".

"Sul piano sanzionatorio - invece - in caso di falsa dichiarazione, con accertamento della presenza di lavoro nero, ovvero di mancato perfezionamento della procedura di emersione per i lavoratori dichiarati, revoca dei benefici non ancora concessi o pervenuti, obbligo di restituzione di quelli già percepiti, con interessi, oltre alla sanzione penale per falsa autocertificazione nel primo caso. Naturalmente il tutto in aggiunta alle ordinarie sanzioni previste per l'accertamento del lavoro nero".

Semplificazioni 

La Pubblica amministrazione dovrà essere alleata di cittadini e imprese, piuttosto che un ostacolo. In questo senso vanno le norme anti-burocrazia e le semplificazioni previste nel documento, che riguardano principalmente il codice appalti e gli aumenti di capitale per le PMI

Per la semplificazione degli appalti sarà necessario individuare delle aree di interesse strategico e rimuovere tutti gli ostacoli alla realizzazione delle infrastrutture, applicando sia le direttive europee che rivendendo la normativa in un nuovo codice.

Inoltre il piano prevede la creazione per gli incentivi agli aumenti di capitale per le PMI, per renderli più "attrattivi" e introducendo un "super-Ace" per le imprese che investono in tecnologia green.

 

Esclusione della responsabilità penale delle imprese per i contagi

Il piano prevede l'esclusione della responsabilità penale per i contagi sul lavoro delle imprese non sanitarie, così come la "neutralizzazione fiscale" degli interventi sul piano organizzativo conseguenti all'applicazione dei protocolli di sicurezza.

"Il datore che adempie all'obbligo di sicurezza non andrebbe incontro né a responsabilità civile né a responsabilità penale pur in presenza di un eventuale riconoscimento da parte dell'Inail dell'infortunio su lavoro da contagio Covid-19. Peraltro si è già previsto che gli infortuni da contagio Covid-19 non vengano contabilizzati per l'azienda ai fini dell'andamento infortunistico, e quindi non hanno conseguenze sul piano dei premi assicurativi", si legge nel documento.
Tecnologie 5G

Nel piano si prevede l'accelerazione  dello sviluppo delle reti 5G, superando le resistenze locali, quando i protocolli di sicurezza sono rispettati, evidenziando la necessità di "adeguare i livelli di emissione elettromagnetica in Italia ai valori europei, oggi circa 3 volte più alti e radicalmente inferiori ai livelli di soglia di rischio".

 

Tema:
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)
Tags:
Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook