00:33 20 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
140
Seguici su

Le autorità italiane hanno espulso nel suo Paese d'origine in Tunisia Montassar Yaakoubi, solidale del terrorista tunisino Anis Amri, autore della strage al mercatino di Natale di Berlino del 19 dicembre 2016.

La notizia è stata comunicata in una nota pubblicata sul sito del Viminale.

Montassar Yaakoubi è stato rimpatriato in Tunisia con un volo speciale: come sottolineato dal ministero dell'Interno, è il primo rimpatrio di un soggetto pericoloso per la sicurezza dello Stato, dopo la sospensione per emergenza Covid-19.

"Si tratta della prima esecuzione di un provvedimento di espulsione di un soggetto pericoloso per la sicurezza dello Stato da quando i rimpatri sono stati sospesi in assenza di collegamenti esteri per l’emergenza epidemiologica da Covid-19", si afferma nella nota.

Nel comunicato si sottolinea che Montassar Yaakoubi era il sodale dell'autore della strage al mercatino di Natale di Berlino Anis Amri, ucciso nella stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni, comune alle porte di Milano, al termine di un conflitto a fuoco con la polizia.

Infine il Viminale ricorda il numero delle espulsioni eseguite di soggetti stranieri ritenuti pericolosi alla sicurezza nazionale.

"Salgono così a 482 le espulsioni e gli allontanamenti eseguiti dal 2015. Nel 2019 gli allontanamenti eseguiti sono stati 98, 126 nel 2018, 105 nel 2017, 66 sia nel 2016 che nel 2015. Gli allontanamenti eseguiti nel 2020 sono 21."

Nel dicembre 2016 un camioncino si è lanciato a tutta velocità all'interno di un mercatino natalizio nel centro di Berlino: 12 persone sono morte, 48 sono invece finite in ospedale. Le autorità tedesche hanno riferito che si trattava di un attacco terroristico eseguito dal tunisino 24enne Anis Amri. Pochi giorni dopo è stato ucciso a Milano in una sparatoria con la polizia. Il terrorista era legato al gruppo terroristico dell'Isis* (noto anche come Daesh* o Stato Islamico*).

*organizzazione terroristica illegale in Russia

Tags:
Berlino, Anis Amri, Germania, Tunisia, Terrorismo, espulsione, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook