18:49 04 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)
1010
Seguici su

Nel giorno della riapertura dei movimenti tra le regioni il ministro della Salute Roberto Speranza ha dichiarato che il "virus è ancora molto pericoloso".

Il ministro della Salute Roberto Speranza è intervenuto oggi per ribadire agli italiani di restare vigili e non sottovalutare la pericolosità del coronavirus, nonostante la Fase 2 iniziata ormai da 1 mese con l'allentamento delle misure anti-contagio non abbia avuto impatto sulla dinamica positiva della situazione epidemiologica del Covid-19 nel Paese.

"Non è ancora finita, il virus circola, ma grazie alle cose che abbiamo fatto in queste settimane, grazie ai comportamenti degli italiani e alle misure del governo e delle regioni abbiamo un quadro epidemiologico sicuramente migliore".

Il ministro ha chiesto ai cittadini di continuare a rispettare le indicazioni comportamentali date dal governo per scongiurare una ripresa dei contagi.

"Bisogna procedere con cautela e prudenza e le regole che abbiamo imparato in queste settimane, dobbiamo continuare a seguirle perché sono la chiave per la battaglia contro il Covid. Il virus è ancora molto pericoloso".

Per Speranza, solo un vaccino efficace contro il coronavirus sancirà la vittoria definitiva contro il Covid-19.

Dobbiamo continuare a lavorare sulla prudenza fino a quando non ci sarà la scoperta di un vaccino che ci consentirà, finalmente, di vincere questa battaglia. Fino ad allora avremo bisogno della massima attenzione e cautela". 

Ricordiamo che oggi sono ripresi gli spostamenti tra le varie regioni.

Secondo l'ultimo bollettino della Protezione Civile, il numero complessivo dei casi di Covid-19 in Italia dall'inizio dell'epidemia ha raggiunto 233.515. Tra questi 160.092 persone sono guarite, 39.893 sono attualmente positive e 33.530 sono stati i decessi.

Tema:
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)
Tags:
Società, Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook