13:19 08 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)
133
Seguici su

Il giovane di 21 anni aveva obbligo di quarantena nel seminterrato in cui viveva con i suoi nove familiari, ma alla visita di controllo della fiamme gialle mancava all'appello. E' stato ritrovato a lavoro, nel ristorante in cui era assunto.

Un giovane di 21 anni, residente a Bari, positivo e asintomatico, si è recato normalmente a lavoro, nonostante fosse consapevole delle sue condizioni di salute, per paura di perdere il posto.

Così si sarebbe giustificato, una volta scoperto con le forze dell'ordine, secondo quanto riporta la redazione di Repubblica Bari. Il giovane è stato denunciato per violazione degli obblighi di quarantena e il locale in cui ha lavorato, un ristorante del quartiere Libertà, rischia la chiusura temporanea. 

L'Asl, infatti, che ha disposto l'effettuazione dei tamponi sul personale e sul gestore del locale, potrebbe ora ordinare la sospensione dell'attività pubblica per la sanificazione dei locali. Il datore di lavoro e i colleghi hanno assicurato di non essere a conoscenza della positività del ragazzo che, stando alle prime verifiche, non sarebbe entrato a contatto con la clientela. 

Il 21enne aveva ricevuto l'esito positivo del test giorno 29 maggio e si trovava in quarantena assieme agli altri nove familiari con cui condivide un seminterrato.

Domenica la Guardia di Finanza aveva effettuato un controllo domiciliare, senza trovare il giovane in casa. Dopo alcune ricerche è stato rintracciato lunedì sul posto di lavoro. Adesso il suo caso è al'attenzione del sostituto procuratore di Bari, Marcello Quercia.

Coronavirus in Puglia

Secondo il bollettino informativo diramato dalla Regione Puglia, il totale dei casi positivi è di 4.498, di cui 1.486 nella Provincia di Bari. I decessi da Covid 19 in Puglia sono stati 508, le guarigioni 2939.

Tema:
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)
Tags:
Puglia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook