13:56 08 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
0 01
Seguici su

I Carabinieri hanno sequestrato ed eliminato circa 60 piante di marijuana che venivano coltivate in un'appezzamento di terra da padre e figlio insieme ai meloni. I due sono stati denunciati per coltivazione di sostanze stupefacenti.

A Licata, nell'agrigentino, i Carabinieri della Compagnia hanno scoperto una coltivazione di cannabis all'interno di una serra. Padre e figlio, proprietari dell'appezzamento, sono stati denunciati.

I militari della Sezione Radiomobile della Compagnia di Licata hanno trovato, nascosta tra le colture di meloni cantalupo, una serra nella contrada di Poggio Cuti dedicata alla crescita di piante di marijuana, con più di 60 piante di cannabis in fioritura.

Secondo quanto riferito nel comunicato stampa delle autorità "il proprietario del terreno, all’arrivo dei militari, si è dimostrato subito inquieto, ma nulla ha potuto per nascondere quell’appezzamento di terreno, ben nascosto tra tutti gli altri. L’accurata perquisizione, estesa a tutta l’area, ha consentito ai Carabinieri di scoprire una piantagione di cannabis, attrezzata con impianti di illuminazione ed irrigazione: ben 62 piante già cresciute anche fino a un metro e mezzo di altezza e pronte per la raccolta".

I Carabinieri hanno estirpato e sequestrato tutte le piante. Padre e figlio sono stati così denunciati alla Procura della Repubblica di Agrigento, con l'accusa di coltivazione di sostanze stupefacenti.

Continuano i controlli da parte di Carabinieri e Guardia di Finanza in tutto il territorio nazionale. Nella giornata di oggi, nell'ambito dei controlli per la commercializzazione di dispositivi di protezione individuale, le Fiamme Gialle hanno sequestrato una fabbrica di mascherine a Napoli denunciando tre persone per contraffazione, ricettazione e furto di energia elettrica e ponendo sotto sequestro i locali e i macchinari presenti nel laboratorio abusivo.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook