13:31 08 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)
121
Seguici su

Lo si afferma in una ricerca condotta da Assosalute, secondo cui durante la prima fase dell'emergenza di Covid-19 ha acuito i dolori fisici prodotti dalla sedentarietà.

Il lockdown e il periodo di isolamento domiciliare forzato a seguito dell'epidemia di coronavirus si è concluso ad inizio maggio con l'allentamento graduale delle misure anti-contagio (Fase 2), tuttavia un italiano su due risente ancora degli effetti di questo periodo di clausura sulla propria salute a seguito della vita sedentaria prolungata o di movimenti e posture scorrette.

Seconda una ricerca condotta da Assosalute, soffre di dolori posturali il 73% degli italiani, anche prima del lockdown: la metà (49%) accusa mal di schiena, il 37% si lamenta di dolori al collo e il 29% ha dolori nelle articolazioni degli arti inferiori. 

La quarantena non ha fatto altro che aggravare questa situazione: quasi 1 italiano su 2 ammette di averne sofferto più spesso durante gli ultimi mesi.

I risultato dello studio sono confermati dal dottor Roberto Pozzoni, responsabile del Centro di traumatologia dello sport dell'Istituto ortopedico Galeazzi di Milano, secondo cui hanno avuto problemi sia le persone sportive sia quelle meno attive.

"Chi si è trovato costretto a eliminare del tutto o a ridurre drasticamente i propri allenamenti, ha dovuto fare i conti con una perdita del tono muscolare e una riduzione della coordinazione neuromuscolare, con conseguente sovraccarico articolare; chi invece non era solito dedicarsi allo sport può aver colto l'occasione per iniziare, spesso andando incontro, inconsapevolmente, a dolori muscolari o articolari, riconducibili a movimenti scorretti", ha affermato, citato dall'Agi.

Il 44% degli italiani che hanno preso parte alla rilevazione ha ricondotto però questi dolori non solo all’attività fisica "fai-da-te", ma anche all'eccessiva sedentarietà del periodo di isolamento domiciliare, seguito dal 34% che accusa le posture sbagliate durante i momenti di relax e dal 21% che dà la colpa al telelavoro.

In Italia la Fase 2 è iniziata lo scorso 4 maggio, con la riapertura delle imprese manifatturiere. Il 18 maggio sono state ulteriormente alleggerite le misure draconiane anti-Covid, con la riapertura di bar, ristoranti, parrucchieri e negozi.

Tema:
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)
Tags:
Società, Coronavirus, Salute, Medicina, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook