14:08 08 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)
0 0 0
Seguici su

L'aSl Napoli 1 attende l'esito dell'ispezione del Ministero dell'Interno per l'infiltrazione camorristica che ne ha decretato il commissariamento. Il senatore Ruotolo ha chiesto che si agisca con urgenza.

Il Ministero dell’Interno ha concluso il suo iter di verifica dell’Asl Napoli 1, la struttura sanitaria principale del capoluogo campano dove la maxi inchiesta della Procura della Repubblica di Napoli scoprì il cartello camorristico che gestiva l’ospedale San Giovanni Bosco ad uso e consumo degli interessi malavitosi.

Ora che la verifica sullo stato di infiltrazione camorristica nell’Asl Napoli 1 è terminata, il senatore Sandro Ruotolo eletto nella recente suppletiva e le senatrici Loredana De Pretis e Paola Nugnes, hanno presentato una interrogazione urgente alla ministra Luciana Lamorgese per conoscere l’esito della valutazione.

L’urgenza dei deputati partenopei è giustificata dall’emergenza sanitaria in atto, che potrebbe favorire ulteriormente gli affari della camorra se ai vertici dell’Asl Na1 non vengono poste figure capaci di contrastarne l’infiltrazione.

La struttura sanitaria, come spiega anche Fanpage.it, in questi mesi ha avuto un ruolo chiave nella gestione dell’emergenza sanitaria, tanto che l’Asl Na1 ha assegnato in questi ultimi tre mesi appalti per lavori pubblici del valore di centinaia di milioni di euro.

Su molte delle strutture create per l’emergenza, riporta Fanpage, sono stati riversati milioni di euro di fondi per fabbricati ospedalieri rivelatisi inutili e su cui ora indaga la Procura di Napoli.

Tema:
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)

Correlati:

Napoli, sequestrati 80 litri di disinfettante e 3.600 mascherine non a norma di legge
De Magistris chiama De Luca per organizzare il futuro di Napoli
Fase 2, notte brava a Napoli: strade bloccate, bivacchi e schiamazzi fino alle 4 di mattina
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook