05:41 26 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)
31917
Seguici su

I Comuni italiani che dicono no-5G sono aumentati esponenzialmente durante il periodo di massima dell'emergenza Covid-19. L'ipotesi è che i sindaci abbiano creduto all'associazione 5G-virus.

Tra aprile e maggio in Italia vi è stata una impennata di Comuni che hanno emesso una ordinanza per fermare o vietare l’installazione di apparati 5G utili a migliorare la connessione mobile sui rispettivi territori.

La notizia ha oggettivamente del paradossale e dell’assurdo, ma la decisione di questi sindaci è stata alimentata dalla fake news che vuole il 5G “portatore sano” del nuovo coronavirus.

Ebbene, le città di Vicenza, Grosseto, la Messina del sindaco Cateno De Luca e Siracusa, hanno rimandato l’installazione dei dispositivi che nel prossimo futuro apporteranno una grande miglioria alla connettività mobile non tanto dei nostri singoli smartphone per mandare WhatsApp ancora più veloci, quanto per implementare nuovi e fondamentali servizi quali, tra gli altri, la telemedicina che offrirà la possibilità per i medici di salvare vite umane anche nei piccoli comuni lontani dagli ospedali.

L’analisi di Wired

I Comuni no-5G sono passati così dai 53 del periodo maggio 2019-febbraio 2020, ai 209 tra marzo 2020 e il 20 maggio. Questa la analisi fatta da Wired.

Insomma il cospirazionismo vince sulla ragione e i sindaci si lasciano convincere che effettivamente un virus possa arrivare, alla velocità del 5G, sugli smartphone dei propri cittadini e contagiarli.

La campagna no-5G

La battaglia no-5G in realtà non ha nulla a che fare con il nuovo coronavirus, tuttavia è forse stata usata ad arte per spingere più comuni a non dotarsi della nuova tecnologia.

Dal 2018 esiste l’Alleanza italiana stop 5G racconta Wired, che è riuscita a fermare l’installazione delle antenne nel Municipio XII di Roma in mano ai pentastellati sconfessando così la sindaca Raggi che non si è mai opposta all’installazione.

Altri comuni hanno accolto l’appello del movimento anti-tecnologico perché temono per l’incidenza sulla salute dei cittadini.

Tema:
Coronavirus in Italia: voglia di normalità (20 maggio - 11 giugno) (168)

Correlati:

London School of Economics criticata per progetto di ricerca 5G con Huawei
Francia e Canada negano collegamento tra aiuti cinesi contro coronavirus e 5G di Huawei
Croazia, vandali attaccano ripetitore Wi-Fi: "è 5G, diffonde il coronavirus"
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook