08:00 10 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
0 30
Seguici su

Operazione contro la corruzione tra Como e Varese. In manette funzionari dell'Agenzia delle Entrate territoriali per reati che avrebbero sottratto 2 milioni di euro all'Erario.

14 arresti tra le province di Como e di Varese ad opera della Guardia di Finanza che ha così sgominato un sodalizio volto a truffare le pubbliche amministrazioni locali.

La nuova indagine è un filone di una indagine che lo scorso anno porto all’arresto dell’ex direttore provinciale della Agenzia delle Entrate di Como.

Analizzando le agende di questo funzionario infedele e ricostruendo i contatti e i fatti in esse riportate, gli uomini delle Fiamme Gialle hanno potuto ricostruire una lunga catena di reati che vanno dall’emissione e utilizzo di fatture false per un totale di 280 mila euro, favoreggiamento, abuso d’ufficio e ancora rivelazione di segreti d’ufficio.

22 i fatti di corruzione che coinvolgono 37 contribuenti tra persone fisiche e giuridiche, avvenuti tra il 2012 e il 2019, e che avrebbero portato a una perdita per le casse dell’Erario di almeno 2 milioni di euro.

Agli arresti fono finiti la commercialista e un funzionario dell’Agenzia delle Entrate di Como. Il procuratore di Como ha ringraziato la Guardia di Finanza per il lavoro svolto senza sosta anche durante il lockdown e anche le “forze sane” dell’Agenzia delle Entrate che hanno collaborato alla “buona riuscita dell’indagine”.

Correlati:

Corruzione al Comune di Palermo: 7 arresti tra cui 2 consiglieri comunali di centrosinistra
Corruzione, 24 arresti: ci sono anche funzionari di Regione Sicilia
Procuratore capo di Taranto Carlo M. Capistro accusato di tentata corruzione e falso
Tags:
Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook