23:40 02 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
41125
Seguici su

Da Palazzo Chigi torna a parlare Conte: in vigore il nuovo Dpcm Riaperture.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa, per la prima volta con la presenza di giornalisti dal vivo, ed annuncia agli italiani:

"Siamo a pieno regime nella Fase 2 con fiducia e responsabilità. Dal 18 maggio riprende la vita sociale e riprendono gli incontri con gli amici''. 

Dopo gli ultimi bollettini della Protezione Civile, che tracciano un quadro stabile, Conte annuncia che la sperimentazione della app "Immuni" avverrà nei prossimi giorni.

"Stiamo affrontando un rischio calcolato nella consapevolezza che la curva dei contagi potrà tornare a salire". "Dobbiamo accettarlo altrimenti non potremo mai ripartire, dovremmo aspettare la scoperta e la distribuzione del vaccino ma non ce lo possiamo permettere, ci ritroveremmo con un tessuto produttivo, sociale fortemente danneggiato". 

Il premier ha ribadito che il lavoro per la ripresa continuerà "fin dalle prossime ore" ed il "prossimo passo sarà il decreto semplificazioni". 

Turismo - confini aperti dal 3 giugno e no quarantena

"Dal 3 giugno sarà possibile spostarti dagli Stati dell'Unione Europea in Italia, senza l'obbligo di quarantena per chi arriva in Italia. Questo creerà le premesse per una ripresa del turismo".  - ha detto Conte.

Le riaperture previste dal 18 maggio

Il presidente del Consiglio ha elencato le categorie di esercizi che riapriranno da lunedì prossimo, fermo restando che ogni regione dovrà continuare a monitorare la situazione epidemiologica.

  • negozi di vendita al dettaglio
  • i servizi legati alla cura della persona come barbieri, parrucchieri e centri estetici
  • ristoranti, bar, pizzerie, gelaterie, pasticcerie, pub
"Da lunedì riaprono anche gli stabilimenti balneari e le celebrazioni liturgiche". - ha aggiunto Conte. 

Il 15 giugno è invece la data fissata dal governo per la riapertura di cinema e teatri.

Economia e agevolazioni fiscali
"Nei fatti noi concediamo già tante agevolazioni fiscali. Abbiamo differito fino a settembre inoltrato alcune scadenze ed altre come il saldo dell'Irap l'abbiamo abbuonato. A me piacerebbe non uno, ma due tre anni bianchi fiscale, ma questo significa creare un grave ammanco nelle casse dello stato che non ci possiamo permettere." - ha detto Conte.

Ripresa del campionato di calcio

Nel giorno in cui in Germania è ripartito - a porte chiuse - il campionato di calcio, il presidente del Consiglio conferma che in Italia non ci sono ancora le condizioni per tornare a vedere il pallone in campo.

"Un tema che riceve tantissime sollecitazioni. Il ministro Spadafora è molto responsabile come tutto il governo. Bisogna aspettare che si realizzino le condizioni della ripresa. Per avventurarsi a stabilire una data bisogna avere qualche garanzia di sicurezza in più che al momento non c'è".
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook