05:49 28 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
0 22
Seguici su

Nel decreto approvato dal governo la detrazione fiscale del 110% sarà fruibile da luglio, ma sono presenti dei vincoli per ottenere l'ecobonus che permetterà di effettuare ristrutturazioni a costo zero.

L'ecobonus al 110% per le ristrutturazioni è stato ufficialmente approvato nel maxi-decreto e viene regolato attraverso l'articolo 128. Tuttavia sono presenti delle restrizioni alle modifiche che possono rientrare nella detrazione fiscale e ai destinatari del bonus.

Il bonus sarà disponibile solo dal prossimo primo luglio e sarà utilizzabile nella versione mega fino a 110% solo "per specifici interventi volti ad incrementare l’efficienza energetica degli edifici (ecobonus), la riduzione del rischio sismico (sismabonus) e per interventi ad essi connessi relativi all’installazione di impianti fotovoltaici e colonnine per la ricarica di veicoli elettrici".

L'ecobonus al 110% sarà inoltre disponibile dal primo luglio fino alla scadenza stabilita al 31 dicembre 2021, anche se nella versione in uscita dal consiglio dei ministri la scadenza potrebbe essere stata allungata alla fine del 2022.

Ristrutturazioni

Il super-sconto vale per gli interventi di coibentazione degli edifici aventi a oggetto almeno il 25% della superficie esterna, entro il limite di 60mila euro per ogni unità immobiliare indipendente o in condominio, budget il cui tetto viene abbassato a 30mila euro per singola unità immobiliare per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti ad elevata efficienza.

Sì a pannelli solari, fotovoltaico e climatizzazione, no infissi

La detrazione del 110% delle spese sostenute tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021 include anche l’installazione di impianti fotovoltaici e di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici.

Tra i casi che abilitano la detrazione ci sono anche gli interventi di isolamento termico delle superfici, sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per riscaldare o rinfrescare o la fornitura di acqua calda a condensazione.

Non si potranno super-agevolare invece interventi come il rifacimento degli infissi o l’installazione di un nuovo condizionatore.

Sismabonus

La detrazione al 110% riguarda anche le spese relative agli interventi antisismici sugli edifici. Il sismabonus sarà ammesso nelle zone sismiche 1 e 2 e nella zona 3 che supera i 1.500 comuni di appartenenza.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook