08:29 27 Maggio 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: prosegue la fase 2 (10-20 maggio) (105)
114
Seguici su

Dal primo giugno gli spostamenti tra regioni potrebbero finalmente essere concessi afferma il viceministro alla Salute Sileri. Per ora bisognerà monitorare le riaperture previste dal 18 maggio.

Dall’1 giugno gli spostamenti tra le regioni potrebbero essere consentiti, anche gli spostamenti dalla Regione Lombardia verso le altre regioni.

A dirlo è il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri intervenuto durante il programma radiofonico ‘Circo Massimo’ su Radio Capital.

Ovviamente oggi non può garantire la libertà di spostamento tra regioni, perché bisogna continuare a valutare la situazione e verificare bene come prosegue questa Fase 2 che è al suo stadio molto iniziale afferma.

Vero che 12 regioni hanno pochi casi di nuovi infetti ogni giorno, ma l’Italia è come se si trovasse in un periodo di convalescenza. Ha due settimane di osservazione e preparazione.

Non ci si può far prendere alle spalle da un nuovo contagio, aggiunge Sileri.

Le linee guida alle Regioni

Il ministro agli Affari Regionali Francesco Boccia conferma che le linee guida per le Regioni italiane sono pronte e entro questa sera saranno trasmesse agli enti regionali e ai loro presidenti.

Anche Boccia ha confermato che prima di giugno gli spostamenti tra regioni non potranno avvenire. Sull’argomento ogni decisione è rimandata a fine maggio, quando ci saranno dati più precisi dell’andamento di queste settimane.

Dal 18 maggio, infatti, riapriranno praticamente tutte le attività e bisognerà monitorare gli effetti di questa totale apertura intra-regionale.

Tema:
Coronavirus in Italia: prosegue la fase 2 (10-20 maggio) (105)

Correlati:

Fase 2, Regioni scalpitano per riaperture, Lombardia deciderà "entro giovedì"
Fase 2, governatori in pressing sugli spostamenti tra le regioni, frena il Governo
Parrucchieri e estetisti, ecco come cureremo il nostro aspetto dalla Fase 2
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook