04:59 02 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
8614
Seguici su

In un intervento sulla sua pagina Facebook il capo della Farnesina si è schierato ancora una volta a sostegno di Silvia "Aisha" Romano, dopo che alla Camera il deputato leghista Alessandro Pagano aveva definito la ragazza una "neo-terrorista".

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha voluto esprimere il proprio sgomento per il duro intervento alla Camera del deputato leghista Alessandro Pagano nei confronti di Silvia "Aisha" Romano.

"Provo forte imbarazzo per le parole pronunciate oggi alla Camera da un Deputato della Repubblica Italiana. Quelle parole segnano una triste pagina della storia italiana," con queste parole ha esordito il suo post su Facebook.

Secondo Di Maio, con l'intervento del deputato leghista di oggi "si è superato ogni limite".

"Descrivere una ragazza di 25 anni reduce da 18 mesi di prigionia, con tutto quello che ha potuto passare, come una neo-terrorista non è accettabile da nessuno, tanto meno da un rappresentante delle istituzioni."

Di Maio ha ricordato che "la politica deve essere un esempio per il popolo e ogni parlamentare ha il dovere di rispettare i cittadini italiani perché li rappresenta."

Ha poi concluso il post chiedendo rispetto per la giovane ragazza e la sua famiglia.

In precedenza il deputato leghista Alessandro Pagano aveva definito la ex cooperante convertitasi all'Islam una "neo-terrorista" ed aveva contestato il fatto che al funerale di un poliziotto morto a causa del nuovo coronavirus il Governo non ha inviato nessuno dei suoi rappresentanti, mentre al rientro di Silvia Romano sono andati ad accoglierla il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Le minacce e l’odio per Silvia Romano

Ieri per Silvia Romano sono giunte le parole di morte da parte di un ex consigliere leghista di Asolo, mentre in precedenza era stato Vittorio Sgarbi a chiederne la carcerazione perché considera la cooperante una terrorista dopo la sua conversione all’Islam.

Di Maio aveva chiesto che si lasciasse in pace la ragazza, richiesta giunta più volte anche dalla famiglia e dall’Ordine degli psicologi della Lombardia.

Al fianco di Silvia anche i vescovi italiani. Mentre l’antiterrorismo della Procura di Milano ha aperto un'inchiesta per minacce aggravate contro ignoti.

Tags:
Camera dei deputati, Parlamento, Lega, Luigi Di Maio, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook