16:10 01 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
102
Seguici su

A Palermo i prodotti del packaging alimentare per salumerie, macellerie e panifici li stabilivano i clan della Mafia. Anche la farina era quella di Cosa Nostra e se non era buona, se la dovevano mangiare 'a forza'.

Ieri il duro colpo ai clan di Cosa Nostra Ferrante e Fontana di Palermo, con ramificazioni a Milano. Oggi viene alla luce tutto il loro malaffare fatto di prodotti imposti ai commercianti di Palermo che spesso silenziosamente accettavano e delle volte chiedevano anche scusa.

Il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi ha riferito che le denunce da parte di chi è sottoposto a estorsione sono scarse, segno che non tutto è cambiato dopo Falcone e Borsellino.

Ma c’è anche chi ha denunciato come al mercato ortofrutticolo dove il clan Fontana si presentò per chiedere il pizzo, 200 euro a commerciante. Questi però denunciarono tutti e i Fontana non chiesero più il pizzo.

L’imposizione dei prodotti

Il clan Ferrante a Palermo gestisce la farina, il packaging dei prodotti alimentari e tanti altri prodotti. Lo fa attraverso prestanome a cui intesta fittiziamente le sue imprese, ma che poi gestisce in prima persona come hanno dimostrato le intercettazioni.

E la farina se la dovevano prendere “a forza” i panettieri e non provarla, così il panificio Bonomolo di via Ruggero Loria ha chiesto scusa, “non succederà più”.

Il Mercatone della carne di via Amilcare Barca la carta e i sacchetti, e le vaschette in alluminio per confezionare la carne la doveva prendere in via esclusiva da G-Pack e non per il miglior rapporto qualità prezzo, semplicemente perché questa era la società di packaging dei fratelli Ferrante, e non servivano altre parole.

Ma i nomi di attività sottoposte alla silente imposizione di prodotti alimentari (e non), che spesso non erano neppure di buona qualità, è lungo scritto nell’ordinanza dal gip Piergiorgio Morosini che mette nero su bianco i fatti e le dinamiche commerciali di una città piegata e asservita, dove la distorsione del mercato non può che creare l’avvitamento dell’economia e povertà.

Correlati:

Termoscanner e percorsi obbligati, l' aeroporto di Palermo si prepara alla fase 2
Palermo, blitz antidroga nel quartiere di Ballarò
Bonafede sulla nomina del Dap: Offesa mia onorabilità e vittime di mafia
Tags:
Cosa Nostra, Mafia, Procura di Palermo, Palermo
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook