22:55 04 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
116
Seguici su

Silvia Romana è nella sua casa di Milano con tutta la sua famiglia, è stata accolta con fiori e striscioni di 'Ben tornata a casa'.

Ha salutato un’ultima volta affacciandosi alla finestra dell’appartamento dove vive con suo padre, sua madre e sua sorella, Silvia Romano. Si è affacciata ed ha salutato sorridendo e con l’abito islamico con cui è rientrata in Italia ieri dopo 18 mesi di prigionia tra il Kenya e la Somalia.

Silvia Romano è giunta in via Casoretto a Milano verso le 17.00 a bordo dell’auto di famiglia, ed è stata accolta dagli applausi e da un cartellone: “Bentornata Silvia”.

Per lei anche fiori con bigliettini augurali e di ben rientrata in Italia.

Le uniche parole che ha pronunciato sono state: “Rispettate questo momento”. A chi le domandava se tornerà in Kenya non ha risposto nulla.

Anche il ministro Di Maio ha chiesto rispetto per la ragazza milanese di 25 anni.

Le indagini

La finestra si chiude e le tende forniscono privacy alla vita di Silvia Romano che dopo la conversione ha preso il nome di Aisha.

Tuttavia le indagini sono appena iniziate, o meglio si apre un nuovo capitolo. Adesso i giudici proveranno a ricostruire meglio la lunga detenzione di Silvia provando anche a coinvolgere le autorità somale attraverso una rogatoria internazionale.

Silvia ha riferito ai magistrati che è stata spostata almeno 4 volte durante la sua prigionia e che gli spostamenti tra i villaggi avvenivano a piedi.

Il diario lasciato o rimasto nelle mani dei terroristi

Il diario che Silvia aveva scritto durante la sua prigionia non è tornato in Italia con lei. A quanto pare i terroristi lo hanno trattenuto, plausibilmente perché temevano potesse contenere elementi determinanti per condurre alla loro identificazione.

Quello che è sicuro, è che il gruppo di rapitori faceva parte di Al Shabaab il resto è nascosto dietro il velo di una storia che ha svelato un risvolto inatteso.

Silvia è tornata in Italia ieri, all'aeroporto di Ciampino l'hanno aspettata il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Correlati:

Vittorio Sgarbi su Silvia Romano: ‘Va arrestata per concorso in associazione terroristica’
Il ruolo della Turchia nella liberazione di Silvia Romano
Di Maio sulle critiche a Silvia Romano: ‘Adesso un po’ di rispetto’
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook