17:49 08 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
0 20
Seguici su

Rinvenuti 143 chilogrammi di marijuana a bordo di un autoarticolato proveniente dalla Spagna. Fondamentale l'aiuto di Denim, il cane finanziere che ha fiutato la droga.

Non è sfuggito al cane antidroga della Guardia di Finanza il carico di oltre 143 chilogrammi di marijuana giunti al porto di Civitavecchia a bordo di un lungo autoarticolato proveniente da Barcellona.

Le autorità doganali si sono insospettite quando hanno visto il carico gettato alla rinfusa nel tir e constatato che la bolla di accompagnamento del carico era mal redatta.

Gli agenti della dogana hanno così chiesto l’intervento dell’unità cinofila di stanza al porto, consentendo il sequestro dell’importante carico di droga collocato a bordo del mezzo pesante.

Denim, questo il nome del cane finanziere, ha così fiutato le 133 buste di cellophane stoccate all’interno di alcuni bancali.

1,5 milioni di euro di valore

I 143 chilogrammi di marijuana se avessero raggiunto le piazze di spaccio avrebbero fruttato ai narcotrafficanti circa 1,5 milioni di euro di introiti illeciti.

L’autista dell’autoarticolato, un quarantenne di nazionalità greca, è stato arrestato e tradotto presso il carcere ‘Borgata Aurelia’ su disposizione della Procura della Repubblica di Civitavecchia.

Video delle fasi di ritrovamento della marijuana

Il dispositivo antidroga

L’operazione condotta dalle Fiamme Gialle si inserisce in un ampio quadro di monitoraggio degli scali portuali e aeroportuali della provincia di Roma, in cui operano le varie unità cinofile e gli uomini e le donne della Guardia di Finanza.

Correlati:

Spaccio ai tempi del coronavirus: a Napoli spedivano la droga per posta
Droga, blitz a Bari: sequestrata una tonnellata di stupefacenti
Cocaina al posto del cibo a domicilio. L'Interpol denuncia: i rider usati per consegnare droga
Tags:
Marijuana, operazione antidroga, Droga, Guardia di Finanza
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook