04:53 02 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: prosegue la fase 2 (10-20 maggio) (105)
228
Seguici su

I migranti irregolari che lavorano come braccianti agricoli nei campi o come badanti domestiche, riceveranno un permesso temporaneo di ricerca lavoro di 6 mesi: previsti controlli stringenti.

Non una regolarizzazione generalizzata e definitiva, ma un permesso di soggiorno per i migranti che lavorano nei campi e come colf, ma in nero.

Questo quanto emergerebbe dal vertice notturno a Palazzo Chigi dove la maggioranza ha provato a portare nel Cdm di questo pomeriggio (ore 14.00) il dl Rilancio, con i suoi 258 articoli e circa 400-500 pagine di testo: nei fatti una manovra finanziaria di metà anno.

Oltre ai braccianti anche i lavoratori domestici saranno inclusi nella sanatoria su richiesta del Pd, ma sono previsti controlli stringenti. Non solo il permesso è valido 6 mesi, ma il M5s avrebbe ottenuto che l’Ispettorato del lavoro debba effettuare controlli e certificare che gli immigrati richiedenti abbiano già effettivamente lavorato nei campi o come badanti.

Il permesso è destinato alla ricerca di lavoro, ma nel caso in cui troveranno lavoro nei settori dichiarati nella domanda, verrà trasformato in permesso di lavoro.

Il caso dell’italiana che raccoglie fragole

La ministra all’Agricoltura Teresa Bellanova, sul suo profilo Facebook rilancia la storia raccontata dal Corriere della Sera circa una signora di Verona che lavorava in un B&B rimasto chiuso in questi mesi di lockdown.

Bellanova fa notare lo spirito combattivo e non remissivo di questa donna, che si è rimboccata le maniche ed ha contattato un’azienda agricola del territorio che aveva disperato bisogno di manodopera per raccogliere le preziose fragole italiane.

La donna, italiana, veronese, ora lavora nell’impresa agricola ed ha così evitato in questi due mesi di restare senza un reddito.

“Angela è fra i tanti italiani, più di 20mila, che sono rimasti senza lavoro a causa della crisi e hanno deciso di dare la loro disponibilità per andare a raccogliere frutta e verdura nelle nostre campagne.

A queste persone senza occupazione dobbiamo garantire strumenti agili per l'incrocio trasparente di domanda e offerta, come la piattaforma digitale prevista nel piano contro il caporalato, chiesta da mesi e che ancora non è pronta”, ha scritto il ministro Bellanova.

In precedenza Bellanova si era detta pronta alle dimissioni se il governo non avesse raggiunto l'accordo sulle regolarizzazioni di migranti, assunti in nero nei campi o nei lavori domestici come colf e badanti.

Tema:
Coronavirus in Italia: prosegue la fase 2 (10-20 maggio) (105)

Correlati:

Sanatoria di colf e braccianti stranieri, Salvini pronto a battaglia contro governo
Salvini: "No a maxi-sanatoria sui migranti"
Sanatoria migranti, Tridico favorevole alla regolarizzazione
Tags:
Migranti, Agricoltura in crisi, Agricoltura, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook