13:39 05 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
0 03
Seguici su

Usavano la cocaina per preparare il crack in casa e venderlo ai giovanissimi che affollavano il loro appartamento. Sono stati arrestati quattro giovani a San Giorgio Canavese (Torino)

Si dice che il cinema e le serie tv abbiano molto da insegnare e a quanto pare anche in negativo, perché quattro persone di San Giorgio Canavese in provincia di Torino il crack lo producevano a casa seguendo “i consigli” di una nota serie televisiva on demand.

E come riporta il Torino Oggi, gli arrestati erano ben attrezzati: pentole per la cottura della cocaina, sostanze da taglio e i bilancini di precisione per confezionare le dosi di crack.

Tutto cucinato in casa partendo dalla cocaina, ma si sa che ogni Cucina ha i suoi odori e anche la produzione di crack ha il suo e questo li ha traditi.

Il vicinato avvertiva da tempo lo strano odore e poi il via vai di giovanissimi che andavano a comprare le “caramelle” dai non congiunti.

Così è giunta la segnalazione ai carabinieri che hanno dapprima individuato l’alloggio attraverso gli appostamenti e quindi sono entrati nell’appartamento approfittando della porta aperta lasciata da uno dei clienti.

Il sequestro di crack a San Giorgio Canavese

I carabinieri hanno rinvenuto nell’appartamento 210 dosi di cocaina per un totale di 130 grammi, 190 scaglie di crack per un totale di circa 90 grammi e tutto l’occorrente per il taglio e il confezionamento delle singole dosi di stupefacenti.

Le dosi venivano confezionate in una pellicola viola facendole apparire come delle caramelle per bambini.

I quattro arrestati, di età compresa tra i 21 e i 31 anni, sono ora nel carcere di Ivrea e attendono l’udienza di convalida del fermo per spaccio di droga.

Correlati:

Spaccio ai tempi del coronavirus: a Napoli spedivano la droga per posta
Droga, blitz a Bari: sequestrata una tonnellata di stupefacenti
Cocaina al posto del cibo a domicilio. L'Interpol denuncia: i rider usati per consegnare droga
Tags:
operazione antidroga, cocaina, Droga
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook