09:57 05 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia, contagi in calo: inizia la fase 2 (2 - 10 maggio) (123)
4110
Seguici su

Le immagini dei Navigli pieni di gente hanno fatto infuriare il primo cittadino di Milano che ha lanciato un vero e proprio ultimatum ai cittadini.

Quando c'è da ringraziare i milanesi per il loro comportamento virtuoso io sono sempre il primo a farlo e mi piace anche. Però ci sono dei momenti in cui c'è da inc**arsi e questo è uno di quelli: le immagini di ieri lungo i Navigli sono vergognose" Questo l'incipit del messaggio ai milanesi che il primo cittadino Beppe Sala invia in un video ai cittadini, dopo le immagini della folla ai Navigli.

L'ultimatum ai cittadini

Sala ha ricordato la profonda crisi economica in cui versa il Paese e Milano, a causa della pandemia, precisando che riaprire "non è un vezzo, ma una necessità", perché bisogna tornare "a lavorare", scandisce il sindaco.

"Non permetterò - prosegue - che quattro scalmanati senza mascherina uno vicino all'altro, mettano in discussione" la ripartenza dell'attività produttiva, che permette alle famiglie di arrivare a fine mese. 

"Io non sono un politico da metafore, sono un politico da atti. O le cose cambiano oggi, non domani, è un ultimatum, o io domani come al solito sarò qui a Palazzo Marino e prenderò provvedimenti, chiudo i Navigli e chiudo l'asporto di bar e ristoranti", ha tuonato il primo cittadino.

Palazzo Marino ha annunciato una maggiore vigilanza, con un rafforzamento di vigili sui navigli, ma se continueranno gli assembramenti si va verso la chiusura dell'area per evitare un ritorno dell'emergenza.

"Senza testa c'è l'1% dei milanesi e io non permetterò che questo 1% metta in difficoltà il 99%", conclude il sindaco di Milano. 

Tema:
Coronavirus in Italia, contagi in calo: inizia la fase 2 (2 - 10 maggio) (123)
Tags:
Coronavirus, Beppe Sala, Milano, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook