07:39 04 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia, contagi in calo: inizia la fase 2 (2 - 10 maggio) (123)
102
Seguici su

Il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina pensa alla "Fase 3" ovvero alla riapertura delle scuole a settembre e immagina un mondo scolastico che si apre ai teatri e ai cinema e che applica la didattica mista.

Il ministro dell’Istruzione delinea la scuola che sarà a partire da settembre intervistata da Il Fatto Quotidiano, ma prima si toglie qualche sassolino e afferma che le critiche ora arrivano proprio da chi “fino a poco tempo fa se ne disinteressava” e da altri che “sono autori materiali dei tagli lineari che hanno squassato il sistema”.

Decisioni difficili e complesse per settembre che devono tenere conto dello stato della scuola italiana prima della pandemia, e quindi l’idea è quella di alternare la presenza a scuola degli studenti: didattica mista l'aveva definita il 2 maggio Azzolina.

La didattica mista

In particolare l’alternanza riguarderà i ragazzi più grandi, “una fascia di età che non metterebbe in difficoltà le famiglie” dice il ministro a Il Fatto Quotidiano.

Per i più piccoli, invece, si prospetta una soluzione tutta da immaginare con altri spazi diversi da quelli “tradizionali” della scuola: “la scuola potrà aprirsi al territorio”.

Significa che i più piccoli potrebbero tornare a scuola avendo il cinema o il teatro comunale come scuola, la palestra di quartiere o il palazzetto dello sport comunale come classe. Oppure “spazi di associazioni e realtà che già collaborano con le scuole”.

Ma la ministra assicura che: “Non significherà perdere di vita gli obiettivi educativi, ma andare oltre il perimetro degli edifici e immaginare una scuola nuova”.

La task force del Ministero

Anche il Ministero dell’Istruzione ha la sua task force ed è guidata dal professore Patrizio Bianchi che lavora 24 ore su 24, dice il ministro per trovare le migliori soluzioni con la collaborazione di “un gruppo di altissimo livello”.

Per ora, precisa il ministro, sono solo proposte.

Perché tutto questo?

Il problema, spiega Azzolina, è aver tagliato i fondi all’edilizia scolastica per anni e conclude: “Tra chi oggi critica c’è anche chi non ha fatto abbastanza quando poteva”.

Ad ogni modo, “molti cantieri partiranno a breve”.

Oggi l'Italia esce ufficialmente dal lockdown con l'allentamento delle misure anti-Covid, che prevede la riapertura di alcune attività economiche e sociali, pur mantenendo obbligatorie alcune norme di sicurezza sanitaria come l'uso dei dispositivi di protezione. Ieri il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è intervenuto con un post dalla sua pagina Facebook per ribadire agli italiani di essere responsabili nella nuova fase di convivenza con il virus.

Tema:
Coronavirus in Italia, contagi in calo: inizia la fase 2 (2 - 10 maggio) (123)

Correlati:

L’Esame di maturità si svolgerà in presenza, lo garantisce il ministro Azzolina
Azzolina agli studenti: "La Maturità sarà il 17 giugno, prova orale da 40 crediti"
Azzolina, ritorno a scuola con la didattica mista
Tags:
ministero dell'istruzione, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook