04:57 02 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus in Italia, contagi in calo: inizia la fase 2 (2 - 10 maggio) (123)
566
Seguici su

Il nuovo coronavirus preoccupa ora per gli "effetti collaterali" causati da vasculiti che portano all'ictus anche a distanza di giorni dalla guarigione.

L’Unità specialistica per la cura dell’Ictus dell’Ospedale Cardarelli di Napoli, il centro stroke, evidenzia un aumento di casi di “eventi cerebrali acuti” di tipo trombotico ed emorragico in pazienti malati di Covid-19.

Tra l’11 marzo e l’11 aprile si sono verificati 4 casi su pazienti di età compresa tra i 50 e i 60 anni, che significano un aumento del 20%. Lo riporta Il Mattino di Napoli.

Il Mattino di Napoli ha intervistato il primario di neuroradiologia del Cardarelli, Mario Muto, il quale ha confermato che gli eventi cosiddetti stroke, non si sono verificati solo in Campania, ma anche a Bergamo e Brescia, dove l’aumento dei casi è stato del 75%.

Il professore spiega che la letteratura medica ora disponibile sul coronavirus Sars-CoV-2, ha portato alla luce la reazione immunitaria infiammatoria che il virus determina nel corpo umano, con il conseguente sviluppo di “vasculiti”, spiega intervistato da Il Mattino. Le vasculiti possono “correlarsi a un aumento dell’incidenza secondaria di trombosi cerebreali e periferiche” non solo nell’immediato, ma anche a distanza di giorni dalla guarigione.

E le evidenze spiega il professore, sono giunte anche da Manhattan negli USA, dove sarebbero raddoppiati i casi di persone, anche giovani, morti per ictus e che avevano contratto il nuovo coronavirus, senza neppure essersi accorti di averlo contratto.

Tema:
Coronavirus in Italia, contagi in calo: inizia la fase 2 (2 - 10 maggio) (123)

Correlati:

Cercando di far scrocchiare il collo, una giovane britannica ha avuto un ictus
I primi sintomi di un ictus celebrale
Ricerca greca svela gli alimenti contro infarti e ictus
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook