09:38 10 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
Emergenza coronavirus: situazione in Italia (21 aprile - 2 maggio) (148)
122
Seguici su

Il governatore della Sicilia, dove sono stati registrati al 26 aprile solo l'1,54% dei casi complessivi di COVID-19 in Italia (3.055 su 197.675), ha spiegato il motivo che secondo lui è alla base dell'efficace contenimento della sua regione dell'epidemia di coronavirus, così come ha parlato delle prospettive del turismo.

In un'intervista concessa a La Stampa e ripresa dai media siciliani, il governatore Nello Musumeci ha affermato che la sua Regione, con l'indice di contagio più basso d'Italia grazie a 3.055 casi di coronavirus a fronte dei 197.675 in tutto il Paese, è riuscita a contenere efficacemente la diffusione del COVID-19 grazie alla drastica riduzione della mobilità ordinaria.

"Noi siamo riusciti a ridurre la diffusione del virus perché abbiamo ridotto del 94% la mobilità ordinaria in Sicilia", ha dichiarato testualmente nell'intervista, aggiungendo allo stesso tempo che i numeri non devono provocare cali di tensione dal momento che "l'emergenza continua e continuerà per diverso tempo", fino a quando non verrà elaborato un vaccino, che garantirà il completo ritorno alla normalità.

Sulla questione della mobilità extra-regionale, Nello Musumeci ha ribadito la sua contrarietà e la piena sintonia con il governatore campano Vincenzo De Luca, che in precedenza aveva persino paventato la chiusura dei confini in caso di "passi affrettati" delle regioni del Nord.

"Dal Nord era arrivata la proposta dell'apertura verso altre regioni, ma c'è stato un no di De Luca e mio", ha affermato.

Relativamente agli interventi del governo in campo economico, Musumeci ha chiesto a Palazzo Chigi l'esportazione del "modello Morandi", con apertura dei cantieri e sblocco immediato dei fondi pubblici, mentre riguardo alla Fase 2 in campo sociale ha sottolineato l'obbligatorietà dell'uso della mascherina non sono in spazi ristretti, come su mezzi pubblici o negozi, ma anche nel suolo pubblico all'aperto, come in parchi e strada.

Parlando della stagione turistica, di vitale importanza per l'economia locale, ha fatto sapere che la Regione punta sul turismo interno, nella speranza che la situazione epidemiologica permetta l'arrivo dalle altre regioni, così come ha spiegato i programmi di sostegno al settore e fatto ipotesi su come andare in spiaggia.

"Abbiamo comprato dei pacchetti che affidiamo ai tour operator: chi va in vacanza può pagare due notti e la terza la regaliamo noi. E abbiamo autorizzato gli stabilimenti balneari a fare la manutenzione. Come si andrà al mare lo vedremo dopo, si possono immaginare ingressi scaglionati".

Ieri sera il premier Conte aveva comunicato ufficialmente l'avvio della Fase 2 a partire del 4 maggio, spiegando quali attività economiche e sociali potevano riprendere e come.

Tema:
Emergenza coronavirus: situazione in Italia (21 aprile - 2 maggio) (148)
Tags:
Società, Nello Musumeci, Coronavirus, Turismo, Italia, Sicilia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook