09:46 26 Maggio 2020
Italia
URL abbreviato
0 04
Seguici su

I sindacati hanno respinto la proposta fatta dai commissari della Banca Popolare di Bari, definendola una “fallimentare ed obsoleta ricetta”.

Il “Piano di efficientamento e riorganizzazione” presentato il 20 aprile dai commissari della Banca Popolare di Bari, che prevede 900 esuberi e la chiusura di 94 filiali, è stato bocciato dalle segreterie di coordinamento/rsa gruppo banca Popolare di Bari, Fabi-First/Cisl-Fisac/Cgil-Uilca-Unisin".

Queste ultime hanno definito il piano una “ricetta fallimentare e obsoleta”, ovvero “900 esuberi, 510 risorse destinate alla mobilità territoriale e/o riconversione professionale, chiusura di 94 filiali (su 291), esternalizzazioni di molte attività e rivisitazione della contrattazione integrativa.

A questo piano i sindacati hanno risposto affermando che non accetteranno “tagli indiscriminati e nemmeno riduzioni del personale che non prevedano il ricorso a strumenti previsti nel nostro settore, fermo restando il requisito della volontarietà”.

Poi le segreterie dei sindacati hanno affermato di volere “un progetto credibile” e che è inaccettabile che “i lavoratori possano essere immaginati all'interno di un contenitore senza alcun progetto e senza futuro” specialmente “nell'ottica della pubblicizzata mission di banca al servizio del Mezzogiorno”.

Correlati:

20 chili di droga sequestrati a Bari provenienti da Durazzo. Milano: 60enne con 1kg di droga
Coronavirus, guarisce bimba di due mesi e la madre al pediatrico di Bari
Sindaco di Bari Decaro caccia i cittadini dal lungomare: ‘Da 4 maggio spero potrete stare’
Tags:
banca
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook