09:40 26 Maggio 2020
Italia
URL abbreviato
Emergenza coronavirus: situazione in Italia (21 aprile - 2 maggio) (148)
31210
Seguici su

Il Premier ha affermato che non si è ancora "nella condizione di ripristinare una piena libertà di movimento" ma che allo stesso tempo si sta "studiando un allentamento delle attuali, più rigide restrizioni".

Il Premier Giuseppe Conte in una intervista con Repubblica, ha descritto le condizioni per porre fine al blocco completo a dal 4 maggio.

“Non siamo ancora in grado di ripristinare la piena libertà di movimento, ma stiamo studiando il miglioramento delle attuali restrizioni rigorose. Ho già anticipato che non sarà un via libera tutti. Ci occuperemo di garantire maggiore libertà di movimento, preservando, tuttavia, tutte le misure di prevenzione e deterrenza dell'infezione", ha detto il Presidente del Consiglio.

Conte ha spiegato che il governo sta lavorando per consentire la riapertura della maggior parte delle aziende il 4 maggio, in quanto con questo blocco si rischia di "compromettere lo sviluppo socioeconomico".

Ha affermato che entro l'inizio della prossima settimana sarebbe stato annunciato un nuovo piano. Poi ha elencato alcune condizioni per la riapertura tra le quali la stretta aderenza alle norme di sicurezza per i luoghi di lavoro, l'edilizia e le società di trasporto, e che con il rispetto di queste dure condizioni, si potrà riaprire la prossima settimana, tuttavia, sempre dopo aver superato l'esame di prefetto e con l'autocertificazione.

Le attività imprenditoriali che potranno riaprire sono quelle che il governo considera "strategiche", come: "lavorazioni per l'edilizia carceraria, scolastica e per contrastare il dissesto idrogeologico, (...) le attività produttive e industriali prevalentemente votate all'export, che rischiano di rimanere tagliate fuori dalle filiere produttive interconnesse e dalle catene di valore internazionali".

Le scuole riapriranno a settembre

Secondo quanto riferito dal Premier nell'intervista le scuole riapriranno a settembre. Nonostante l'apertura ritardata il primo ministro Conte specifica che "tutti gli scenari sviluppati dal comitato tecnico-scientifico prefigurano rischi molto elevati di contagio, nel caso della riapertura delle scuole e che dunque per ora si continuerà con l'insegnamento a distanza" che, a detta del Premier "sta funzionando bene".

Poi ha chiarito che il ministro dell'Istruzione Azzolina "sta lavorando per consentire agli esami di stato di svolgersi in una conferenza personale, in condizioni di sicurezza". 

Bar e ristoranti

Infine per quanto riguarda le attività di ristorazione e i bar ha confermato che questi non potranno riaprire il 4 maggio e che bisognerà attendere un nuovo decreto con il quale si annuncerà "un piano per ripristinare l'attività economica rimanente, anche se mi aspetto immediatamente che bar e ristoranti non apriranno il 4 maggio".

"Tuttavia, stiamo lavorando per consentire ai ristoratori non solo consegne a domicilio ma anche attività d'asporto. In ogni caso confidiamo di offrire a tutti gli operatori economici un orizzonte temporale chiaro, in modo da avere in anticipo tutte le necessarie informazioni e adottare per tempo le precauzioni utili a ripartire in condizioni di massima sicurezza", ha dichiarato il primo ministro nell'intervista", ha concluso Conte.

Il coronavirus in Italia

Dal 10 marzo sono state introdotte misure di quarantena in tutta Italia, tra cui il divieto di circolazione dei cittadini tra e all'interno dei paesi, salvo casi di particolare necessità. Formalmente, è possibile spostarsi solo con la compilazione di una autocertificazione.

Secondo gli ultimi dati, il numero di vittime del coronavirus COVID-19 in Italia è di 26.384; il numero totale di infezioni durante l'intera epidemia nel paese, comprese quelle che sono morte e guarite, ha raggiunto 195.351.

Tema:
Emergenza coronavirus: situazione in Italia (21 aprile - 2 maggio) (148)

Correlati:

Di Maio apre al Mes e su Colao: appanna la figura di Conte
Conte dopo il Consiglio Europeo: "progressi impensabili fino a poche settimane fa"
Conte: l’Italia è al fianco dell’Organizzazione mondiale della sanità
Tags:
Giuseppe Conte
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook