16:57 13 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
6515
Seguici su

Con il Paese ancora nella morsa del lockdown, i politici ricordano sui social la festa della Liberazione; da solo il presidente della Repubblica, rigorosamente in mascherina, si è recato all'Altare della Patria.

In occasione della ricorrenza del 75° anniversario della Liberazione il capo di Stato Sergio Mattarella ha deposto una corona d’alloro sulla Tomba del Milite Ignoto all'Altare della Patria. Conformemente alle norme anti-Covid in vigore, da solo è salito lungo la gradinata e indossando una mascherina. Anche i corazzieri e militar presenti indossavano la mascherina. 

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha ricordato il 75° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale in Italia con la sconfitta delle forze nazifasciste con le parole del celebre cantautore Francesco De Gregori.

"Viva l'Italia L'Italia liberata. L'Italia con gli occhi asciutti nella notte scura. Viva l'Italia, l'Italia che non ha paura. L'Italia con gli occhi aperti nella notte triste. Viva l'Italia L'Italia che resiste", il testo del tweet del premier.

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è intervenuto con un video postato su Facebook per ricordare la Liberazione, evidenziando in particolare "la forza di 2 valori" per questa Festa:

"la determinazione di chi combatte sapendo di fare la cosa giusta e la consapevolezza che la cosa giusta non è il vantaggio di un singolo gruppo ma di un intero popolo".

Il segretario dei Dem e governatore del Lazio Nicola Zingaretti si è recato a Porta San Paolo a Roma per ricordare la Liberazione "oggi più che mai".

​Anche il leader della Lega e del centrodestra italiano Matteo Salvini ha tenuto a ricordare la Festa della Liberazione, considerata "battaglia di Libertà" che alla fine "vince sempre", ringraziando "i nostri nonni".

Ha poi concluso il suo post sui social con una citazione di Oriana Fallaci.

"Lottate, ragionate col vostro cervello, ricordate che ciascuno è qualcuno, un individuo prezioso, responsabile, artefice di se stesso, difendetelo il vostro io, nocciolo di ogni libertà, la libertà è un dovere, prima che un diritto è un dovere". 

Il 25 aprile è il giorno in cui si celebra in Italia la liberazione dal nazifascismo: proprio in questa data del 1945 è il giorno in cui il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia, con il comando a Milano, proclamò l'insurrezione generale in tutti i territori ancora occupati dalle truppe tedesche e fasciste della Repubblica Sociale Italiana, indicando a tutte le forze partigiane di attaccare i presidi fascisti e tedeschi per imporre la resa. Successivamente entro il 1° maggio tutta l'Italia del nord venne liberata. Quest'anno ricorre il 75° anniversario.

Tags:
Società, Seconda Guerra Mondiale, liberazione, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook