20:22 22 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
335
Seguici su

Governo verso uno stop delle clausole di salvaguardia dell'Iva, in sostanza uno dei vincoli che l’Italia ha con l’Unione Europea e che prevedono nel caso non fossero reperite le risorse necessarie per la loro eliminazione, l’aumento delle aliquote Iva ordinaria e agevolata.

In una nota del Consiglio dei Ministri arriva la conferma dello stop alle clausole di salvaguardia Iva, che sarà sancita dal Decreto Aprile, appendice del Decreto "Cura Italia" approvato oggi in via definitiva dalla Camera e diventato legge.

"Il prossimo decreto del governo garantirà, pur in un contesto di miglioramento graduale e strutturale della finanza pubblica, la completa eliminazione dell'incremento delle aliquote Iva e delle accise previsto dal 2021", c'è scritto nella nota.

La motivazione, spiega il governo, è legata al contesto di crisi a seguito dell'epidemia di coronavirus.

"È fondamentale, soprattutto in questa fase fornire elementi di certezza alle imprese e ai cittadini che si trovano a dover programmare l'attività e i piani di investimento in un contesto reso incerto e mutevole dalla emergenza in atto".

Poi l'esecutivo ribadisce l'intenzione di focalizzarsi "all'introduzione di innovativi strumenti europei che possano assicurare una risposta adeguata della politica di bilancio alla luce della gravità della crisi e, al contempo, migliorare le prospettive di crescita di lungo termine e la sostenibilità delle finanze pubbliche dei Paesi membri".

Il Ministro dell'Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri lo ha chiamato "un intervento senza precedenti"  in un messaggio sulla pagina Facebook:

In precedenza il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli aveva annunciato che nel Decreto Aprile verranno stanziati 50 miliardi per autonomi, imprese, bollette e affitti.

Tags:
Finanze, Governo, Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook