08:48 04 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
Emergenza coronavirus: situazione in Italia (21 aprile - 2 maggio) (148)
110
Seguici su

Sessantuno croci bianche nel cimitero Maggiore di Musocco, segnano il luogo di sepoltura delle vittime del Covid-19 le cui spoglie non sono state reclamate dalle famiglie.

La città di Milano ha riservato una degna sepoltura per quelle persone uccise dal nuovo coronavirus, le cui spoglie non sono state reclamate da nessuno. Durante l'emergenza, alcune famiglie non sono state in grado di recuperare i corpi dei loro cari nei 5 giorni previsti dal regolamento. 

Così il comune ha riservato loro il campo 87 del cimitero di Milano, per una sepoltura temporanea, un terreno dedicato ai soli caduti da covid. I sepolcri sono 61 e ogni croce bianca reca il nome del defunto e la data del decesso. Seppelliti dagli addetti del camposanto, senza funerale o cerimonie, i defunti non saranno dimenticati, perché quella di Milano non è una fossa comune come Hart Island di New York. 

I familiari, infatti, che dopo il decesso non hanno potuto reclamare le salme, per la quarantena o perché anche loro affrontavano la stessa battaglia, finita l'emergenza potranno infatti recarsi alle tombe dei propri congiunti e dargli una migliore sepoltura, se lo riterranno opportuno. 

Per due anni, però, verrà vietata l'edificazione dei monumenti funebri nel campo 87.

"Milano ha retto ma ha pagato un prezzo altissimo - ha detto il sindaco, Giuseppe Sala - abbiamo perso tantissimi figli in alcuni casi il passare oltre è stato ancora più tragico perché è avvenuto senza nessuno di fianco".
Tema:
Emergenza coronavirus: situazione in Italia (21 aprile - 2 maggio) (148)
Tags:
Coronavirus, Lombardia, Milano, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook