18:11 08 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
Emergenza Coronavirus - Aiuti russi in Italia (85)
6633
Seguici su

I medici russi, inviati in Italia per aiutare e i colleghi italiani impegnati ad affrontare il coronavirus, sono riusciti a far guarire 15 pazienti nell'ospedale da campo a Bergamo, ha riferito il generale Sergey Kikot delle truppe di Protezione NBC.

"Dall'inizio del lavoro, 54 pazienti sono stati presi per le terapie, 39 dei quali continuano a ricevere le cure", il sito web del ministero della Difesa russo riporta le parole del generale.

Il militare ha osservato che si dedica particolare attenzione alla salvaguardia della salute degli esperti russi, su cui vengono regolarmente eseguiti i tamponi, che vengono analizzati nel laboratorio mobile multifunzionale.

Dalla fine di marzo sono arrivati ​​in Italia 15 aerei da trasporto delle forze aerospaziali russe con virologi militari ed esperti del Ministero della Difesa nel campo dell'epidemiologia. In Italia sono arrivate 8 squadre mediche per combattere il coronavirus, nonché attrezzature per la diagnosi e la disinfezione.

Nell'ospedale da campo a Bergamo, epicentro di COVID-19 in Lombardia, i militari russi ricevono e curano pazienti contagiati dal coronavirus insieme ai colleghi italiani. 32 medici militari russi sono coinvolti in questo lavoro, squadre mediche e infermieristiche sono in servizio tutto il giorno in tre turni.

Il capo del governo italiano Giuseppe Conte aveva precedentemente ringraziato Vladimir Putin per il suo aiuto nella lotta contro l'epidemia di coronavirus e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio era stato personalmente presente alla base di Pratica di Mare per ricevere gli aerei russi ed esprimere gratitudine alla Russia. Nei giorni scorsi il capo della Farnesina aveva annunciato l'arrivo di nuovi aerei dalla Russia con ventilatori polmonari.

Video

Tema:
Emergenza Coronavirus - Aiuti russi in Italia (85)
Tags:
ministero della Difesa della Federazione Russa, Coronavirus, Lombardia, Bergamo, Russia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook