08:22 10 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
211
Seguici su

Quattro Paesi europei, tra cui l'Italia, hanno inviato una lettera all'Unione Europea per chiedere una nuova regolamentazione sulla gestione dei migranti, che si basi sulla solidarietà.

Il tema dei migranti torna a farsi strada in Europa e all’Ue giunge la lettera dei ministri di quattro Stati europei, ovvero Italia, Francia, Spagna e Germania, affinché si stabiliscano nuove regole volte a responsabilizzare i singoli Membri su un tema così delicato.

I quattro Paesi propongono un “meccanismo di solidarietà per la ricerca e il salvataggio” dei migranti, di aggiungere “un meccanismo vincolante per un’equa ridistribuzione” degli extracomunitari che avanzano richiesta di asilo.

La lettera è stata visionata dall’agenzia di stampa Ansa che ne ha potuto visionare il contenuto.

Occorre una riforma

Nella lettera i 4 Paesi chiedono una riforma delle regole che getti le basi per costruire un sistema di gestione dei migranti in cui tutti gli Stati devono essere solidali e condividere equamente le responsabilità, come prevedono i trattati.

Trasbordo di migranti dalla Alan Kurdi

I 149 migranti che si trovano a bordo della Alan Kurdi sono in fase di trasferimento sul traghetto ‘Rubattino’ della compagnia Tirrenia. Il trasbordo avviene in mare a circa un miglio nautico dal porto di Palermo.

I migranti verranno sottoposti al tampone per verificare la presenza del nuovo coronavirus, quindi soggiorneranno a bordo del traghetto per tutto il tempo della quarantena.

L’operazione, riporta l’Ansa, è stata decisa in una riunione presso la Prefettura di Palermo, a cui ha partecipato il sindaco della città, la Croce Rossa e la Protezione civile.

Correlati:

Migranti, a Pozzallo un barcone con 101 migranti in pieno lockdown
Coronavirus, autorità greche promettono di respingere i migranti infetti dalla Turchia
Coronavirus, Grecia sposterà i migranti dai campi d'accoglienza affollati sulle isole dell'Egeo
Tags:
Migranti, quote migranti, Crisi dei migranti
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook