19:56 06 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
L'emergenza coronavirus in Italia (13-21 aprile) (128)
3132
Seguici su

Per il governatore della Regione Veneto Luca Zaia il lockdown in regione non esiste più. Nel pomeriggio presentazione alle parti sociali del piano di riapertura delle attività produttive.

Per quanto riguarda il lockdown, Zaia afferma: “Lo abbiamo detto un miliardo di volte, per noi il lockdown non esiste più. Su questo fronte noi stiamo lavorando alacremente. Lo stanno facendo gli assessori”, in particolare.

Nel pomeriggio alle 15.00, annuncia Zaia, si svolgerà un incontro tra l’assessore regionale Lazzarini e le parti sociali, che avrà come oggetto la ripartenza delle attività produttive.

Durante l’incontro verrà presentato “il progetto di messa in sicurezza del lavoro, per la Fase 2”, aggiunge il governatore del Veneto.

La Regione incontra quindi i sindacati e gli imprenditori per presentare il piano, ma anche per ricevere “proposte migliorative”. L’obiettivo di Zaia è che il piano della ripartenza sia condiviso.

Nelle attività produttive già aperte i controlli di Spisa proseguono e sono “incentivati, ma non sono repressivi”, dice Zaia, ma formativi e informativi per supportare le aziende nel dotarsi di dispositivi di protezione e come devono utilizzarli al meglio.

Il piano del Veneto per la riapertura

Il piano è semplice e non complicato. Fornisce indicazioni come gli strumenti necessari, quali mascherine, guanti, gel, le disinfezioni, i termometri per misurare la temperatura corporea. E poi le misure di distanziamento sociale da rispettare.

“Leggo che forse ci sarà una pre-apertura prima del quattro, noi siamo pronti a tutto”, dice Zaia.

Per quanto riguarda il settore turistico e in particolare quello della balneazione, Zaia si dice disponibile ad ascoltare le richieste e le proposte, ma “che non siano i box in plexiglass per favore”, riferendosi alle proposte circolate in questi ultimi giorni su come creare la distanza sociale sulle spiagge italiane, che tra le proposte avanzate prevede anche dei separatori trasparenti in plexiglass tra i bagnanti.

La situazione aggiornata in Regione Veneto al 17 aprile

236.722 tamponi fatti ad oggi in Regione Veneto, che includono i tamponi fatti quasi a tutti i dipendenti della sanità regionale. Inoltre è stato fatto lo screening nelle case di riposo.

In isolamento fiduciario ci sono 13.489 persone, ed è un numero che continua a decrescere. I positivi in Veneto, in base ai tamponi fatti, sono 15.374, mentre i ricoverati sono 1.556.

Per quanto riguarda le terapie intensive il numero dei pazienti è di 197, scesi quindi sotto i 200.

Per quanto riguarda i dimessi sono 1.958, mentre i morti negli ospedali sono 877 sul totale dall’inizio della pandemia.

La conferenza stampa in diretta di Luca Zaia del 17 aprile

Tema:
L'emergenza coronavirus in Italia (13-21 aprile) (128)

Correlati:

Coronavirus, Zaia: "Troppo rischioso riaprire le scuole a maggio"
Zaia: "In Veneto dati incoraggianti ma faremo più tamponi. La mascherina salva la vita”
Secondo Zaia il 4 maggio si può riaprire tutto
Tags:
Luca Zaia, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook