05:34 10 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
La diffusione del coronavirus in Italia (3-13 aprile) (122)
211
Seguici su

Il rischio che il disagio sociale venga ascoltato più dalle mafie che dallo Stato c'è e il ministro Lamorgese invita i Prefetti ad ascoltare il disagio. La Golden Power Antimafia.

Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese scrive ai Prefetti per chiedere loro il massimo impegno su due fronti, il primo riguarda l’attenzione e l’ascolto del disagio sociale, l’altro riguarda la potenziale infiltrazione delle organizzazioni criminali nelle imprese in difficoltà.

La richiesta del ministro è che i prefetti agevolino “la ripresa del sistema economico”, contengano e prevengano “manifestazioni di disagio sociale”, tutelino l’economia legale.

È l’altra faccia dell’emergenza Covid-19, quella che resterà anche dopo l’emergenza sanitaria e che alla lunga rischia di essere più devastante degli oltre 18mila morti che l’Italia piange.

Ascoltare i territori

“L'invito è ad attivare forme di ascolto, dialogo e confronto con attori istituzionali, rappresentanti territoriali delle categorie produttive, delle parti sociali e del sistema finanziario e creditizio al fine di intercettare ogni possibile segnale di disgregazione del tessuto sociale ed economico.”

Il rischio non è tanto quello dell’esplosione della rabbia e di manifestazioni violente, che pure in rari casi si sono manifestate presso i supermercati del sud Italia le scorse settimane, ma il rischio che le mafie rilevino le imprese in ginocchio.

L’infiltrazione malavitosa nelle attività legali

Lamorgese chiede ai prefetti di monitorare il territorio e di monitorare il tessuto economico per scongiurare che le attività imprenditoriali in ginocchio finiscano nelle mani delle mafie.

Sarà facile per chi ha fondi economici, guadagnati illecitamente, riciclarli in piccole e medie imprese non più capaci di condurre l’attività per mancanza di liquidità, magari usano imprenditori prestanome compiacenti.

Il rischio che molti imprenditori finiscano nelle mani degli strozzini anche è elevato, perché il governo ha sì stanziato fino a 200 miliardi di prestiti senza molte garanzie, ma chi richiede dovrà restituire in 6 anni e dovrà comunque pagare degli interessi. Molte piccole e medie imprese hanno già prestiti e mutui da pagare.

L’analisi di intelligence

“Dovrà essere, quindi, sviluppata un’ampia azione di intelligence sul territorio che valorizzi, in primo luogo, le evidenze di natura info-investigativa e la capacità di analisi dei contesti e dei fenomeni criminali a cura delle Forze di polizia territoriali, con l’obiettivo di assicurare che la ripresa delle attività avvenga secondo imprescindibili coordinate di legalità.”

Scrive il ministro Lamorgese ricordando come le mafie proveranno a infiltrarsi nelle gare di appalto.

La Golden Power Antimafia

Lamorgese trasmette ai prefetti “l’esigenza di rafforzare la tutela dell’economia legale dagli appetiti criminali richiede un forte e deciso impegno dei Gruppi interforze presso le Prefetture.”

Alberghi, ristoranti, e tante altre attività dei redditizi settori turistico e dell’intrattenimento potrebbero cadere nelle mani delle mafie.

Il Governo ha potenziato il Golden Power contro le scalate ostili da parte di operatori stranieri nei confronti di società operanti in settori strategici per l’Italia.

Ma il rischio di “scalata ostile” arriva anche dall’interno e ad opera della criminalità organizzata.

Una Golden Power Antimafia potrebbe essere d’aiuto.

Tema:
La diffusione del coronavirus in Italia (3-13 aprile) (122)

Correlati:

Lamorgese denuncia per vilipendio il sindaco di Messina Cateno De Luca
Coronavirus, sindaco di Messina chiude lo stretto: Musumeci e Lamorgese se ne facciano una ragione
Lamorgese, a Pasqua controlli rafforzati: ‘Restate a casa’
Tags:
Mafia, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook