08:01 29 Maggio 2020
Italia
URL abbreviato
La pandemia di coronavirus nel mondo (3 - 10 aprile) (105)
303
Seguici su

Papa Francesco ha rilasciato una intervista pubblicata oggi da vari media internazionali per parlare di come egli vive la pandemia e di come il Vaticano si prepara al dopo con inventiva e creatività.

Prego più di prima “perché credo di doverlo fare” dice papa Francesco in una intervista esclusiva rilasciata mercoledì 8 aprile a più testate giornalistiche tra cui The Tablet, Commonweal e riportata in lingua italiana dalla Civiltà Cattolica.

Ma è anche un momento in cui rimboccarsi le maniche fa capire il Papa nell’intervista, un momento “di molta inventiva, di creatività” per non lasciare sole le genti, che egli definisce la sua più grande preoccupazione in questo tempo. E in particolare pensando al dopo, a quando si tornerà a lavorare e molti resteranno indietro.

La commissione vaticana post pandemia

Francesco riferisce che ha già istituito una commissione diretta dal dicastero per lo Sviluppo umano integrale che lavora al dopo, che lui considera “già cominciato a mostrarsi tragico, doloroso”.

La presenza del Papa e della Chiesa, riferisce il Pontefice, si sta già manifestando attraverso ‘lElemosineria apostolica “per accompagnare le situazioni di fame e di malattia”.

Un momento di distanza e di incertezza

Papa Francesco spiega anche come si vive in Vaticano al tempo della pandemia da Covid-19, e spiega che negli uffici si lavora a turni per evitare la troppa presenza di personale. Spiega che a Casa Santa Marta dove egli vive si pranza su due turni per evitare gli affollamenti.

E poi confessa che sta “vivendo questo momento con molta incertezza”, ma la creatività e l’inventiva aiutano a mantenersi attivi e non nell’ozio.

La creatività del cristiano in questo tempo

Secondo quanto dice papa Francesco nell’intervista pubblicata oggi, “la creatività del cristiano deve manifestarsi nell’aprire orizzonti nuovi, nell’aprire finestre, nell’aprire trascendenza verso Dio e verso gli uomini”.

Preparatevi a tempi migliori

Nell’intervista si legge anche un messaggio di speranza attiva, di chi si prepara oggi al dopo.

“Preparatevi a tempi migliori, – dice il Papa – perché in quel momento questo ci aiuterà ricordare le cose che sono successe ora. Abbiate cura di voi per un futuro che verrà. E quando questo futuro verrà, vi farà bene ricordare ciò che è accaduto.”

Tema:
La pandemia di coronavirus nel mondo (3 - 10 aprile) (105)

Correlati:

Coronavirus, papa Francesco ai fedeli: ‘Pregate quasi minacciando Dio’
Coronavirus, papa Francesco rinuncia alla visita a Malta
Coronavirus, Papa Francesco fa tampone dopo prelato risultato positivo a Santa Marta
Tags:
vaticano, Papa Francesco, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook