03:43 03 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
La diffusione del coronavirus in Italia (3-13 aprile) (122)
0 0 0
Seguici su

Il Ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina annuncia che l’anno scolastico non verrà perso e gli esami si faranno comunque. La modalità di istruzione a distanza terminerà solo quando la situazione sarà in sicurezza fa sapere, ma ci sono dei problemi, soprattutto al sud, dicono i dati dell'ISTAT.

 I problemi sono che i dati raccolti dall’ISTAT nella recente indagine chiamata ‘Spazi in casa e disponibilità di computer per bambini e ragazzi’, dimostrano chiaramente che nelle regioni del sud i ragazzi avranno serie difficoltà a seguire correttamente le lezioni online dato che hanno insufficienza di diponibilità sia di computer che di adeguati spazi abitativi.

Nel Mezzogiorno la percentuale di famiglie completamente prive di computer supera il 41%, con Sicilia al 44,4% e Calabria addirittura al 46%. Al contrario nelle regioni del Nord le famiglie sprovviste di computer sarebbero solo un 30%, con un 26,3% in cui, al contrario, ogni singolo componente della famiglia avrebbe almeno un computer o tablet a disposizione.

Dallo stesso rapporto è emerso che nel 2018 il 27,8% delle persone viveva in condizioni di sovraffollamento abitativo. Situazione nella quale si troverebbero soprattutto i ragazzi che in molti casi, oltre a non disporre di un computer, non dispongono neppure di una scrivania tutta loro e i mezzi adeguati per poter studiare da casa nelle condizioni consone.

Tuttavia il Ministro Lucia Azzolina, conferma le due posizioni chiave che terrà in Consiglio dei Ministri in discussione per giungere al relativo decreto: Gli esami si faranno comunque, pur se in formato ridotto o adattato a seconda delle necessità imposte dalla crisi, l’anno scolastico non andrà perso, e si tornerà nelle scuole quando i ragazzi saranno in sicurezza. Nel frattempo si continua con l’istruzione a distanza. Cioè appunto tramite collegamenti online con computer che però spesso, secondo i dati dell’ISTAT, non ci sono, e in condizioni ambientali che, per alcuni, saranno decisamente più dure che per altri.

Tema:
La diffusione del coronavirus in Italia (3-13 aprile) (122)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook