04:10 02 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
La diffusione del coronavirus in Italia (3-13 aprile) (122)
0 116
Seguici su

Gli ultimi dati sulla diffusione del coronavirus in Italia annunciati da Angelo Borrelli durante la conferenza stampa della Protezione Civile.

Il numero dei casi totali in Italia, dato comprensivo di guariti, malati e deceduti, è salito a 128.948 (+4.316).

Stando ai dati del bollettino quotidiano della Protezione Civile, presieduto dal Presidente della Protezione civile Angelo Borrelli, è salito a 91.246 il numero dei pazienti attualmente positivi, con 2972 nuovi casi, 21.815 guariti (+819) mentre i decessi totali sono 15.887, con un aumento di 525 vittime nelle ultime 24 ore, numero più basso di morti dal 19 marzo.

Dei pazienti attualmente positivi al Covid-19, 3977 sono in terapia intensiva (17 unità in meno rispetto a ieri), 28.949 sono ricoverati con sintomi (61 pazienti in meno rispetto al giorno precedente) 58.320 (64% totale) sono in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi. 116 i pazienti trasferiti dalla Lombardia tramite il servizio CROSS.

Due dati positivi sono stati comunicati da Borrelli durante la conferenza stampa: diminuisce il numero di ricoverati nei reparti normali e di quelli in terapia intensiva, e si interrompono i trasferimenti dalla Lombardia perché non c'è più bisogno di trasferimenti data la stabilità degli ospedali.

"La curva ha raggiunto il suo plateau ed ha iniziato la discesa, ed ha iniziato la discesa anche la curva dei morti. [...] Questo dato positivo è un dato che va conquistato giorno dopo giorno, le misure adottate sono efficaci ma è importante che manteniamo questo tipo di rispetto delle misure perché sono proprio queste che ci aiutano a far decrescere la curva. Iniziamo a pensare alla fase 2 se i dati si confermano, ovvero a riflettere su come mantenere bassa la diffusione della malattia", ha commentato il presidente dell'Iss Silvio Brusaferro, presente insieme a Borrelli durante la conferenza.

"Mi dispiace essere stato nuovamente frainteso, io avevo detto che non indosso la mascherina perché le misure del distanziamento sociale nel luogo in cui mi trovo posso rispettarle. Ma ho detto che è importantissimo l'uso delle mascherine, lo voglio ribadire, soprattutto in quegli ambienti in cui non si riesce a rispettare in modo rigoroso la distanza e quindi nei mezzi pubblici e supermercati. Le mascherine sono importanti perché evitano la diffusione del contagio", ha ribadito Borrelli commentando la polemica creatasi sull'ordinanza di Fontana riguardo l'obbligo delle mascherine all'esterno.

"Si è avviata una fiorente attività di produzione delle mascherine, mascherine ad uso della popolazione. [...] Le produzioni che si sono avviate consentiranno di rendere possibile la fornitura di mascherine a tutta la popolazione", ha risposto Borrelli ad una domanda sull'aumento della richiesta di mascherine per Lombardia e Toscana viste le nuove misure.

Tema:
La diffusione del coronavirus in Italia (3-13 aprile) (122)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook